Netflix annuncia il cast della serie live action di Cowboy Bebop

Netflix annuncia il cast della serie live action di Cowboy Bebop

Per il protagonista Spike Spiegel è stato scelto John Cho, il bravo Hikaru Sulu nello Star Trek di J. J. Abrams
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Netflix  ha annunciato con un tweet il cast del live action di Cowboy Bebop.
La serie, tratta dal popolare anime “western-spaziale”, sarà composta da 10 episodi e vedrà impegnato come consulente Shinichiro Watanabe, autore dell’opera originale.

Per il protagonista Spike Spiegel è stato scelto John Cho, il bravo Hikaru Sulu nello Star Trek di J. J. Abrams. Gli altri membri della Bebop saranno Mustafa Shakir nei panni di Jet Black, e Daniella Pineda in quelli di Faye Valentine. Alex Hassell sarà invece Vicious, antagonista principale della serie.

Cowboy Bebop

Anime popolare in tutto il mondo, (l’attore Keanu Reeves si è da sempre detto grande fan della serie), Cowboy Bebop è composto da 26 episodi trasmessi in Giappone tra il 1998 e il 1999.

Ambientata nel 2071, la serie “western-spaziale” segue le avventure di Spike Spiegel e del socio Jet Black, due cacciatori di taglie (conosciuti anche come cowboys) che viaggiano nella galassia alla ricerca di criminali.

Nel corso della serie si aggiungeranno nuovi personaggi all’equipaggio (il cane Ein, la bella Faye Valentine e l’hacker Radical Edward). In Italia la serie anime è stata trasmessa da MTV tra il 1999 e il 2000 ed è edita in Dvd da Dynit.

Nel 2001 è stato realizzato un film cinematografico (Cowboy Bebop – Il film) uscito per la prima volta nelle sale italiane nel 2003 e riproposto nel 2015. Dall’anime sono stati realizzati due manga, uno dei quali pubblicato in Italia da Planet Manga, divisione di Panini Comics, e diversi videogiochi.  

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it