Gardaland sempre più green: bandita la plastica monouso

Gardaland sempre più green: bandita la plastica monouso

Iniziata la nuova stagione di Gardaland nel segno del divertimento green: al bando la plastica monouso in favore di materiali compostabili e biodegradabili
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

E’ iniziata la nuova stagione di Gardaland che punta quest’anno ad un divertimento sempre più green!
Da sempre sensibile alla salvaguardia dell’ambiente, Gardaland ha infatti deciso di utilizzare solo materiali compostabili e biodegradabili da inserire all’interno dei punti ristorazione del Parco, in netto anticipo rispetto alla Direttiva Europea che prevede la messa al bando di alcuni prodotti di plastica monouso a partire dal 2021.

“Il nostro obiettivo è quello di impegnarci da subito nel concretizzare le azioni in salvaguardia dell’ambiente. Parte di questo processo prevede una scelta etica, ovvero lo smaltimento delle scorte di magazzino di prodotti non compostabili, che verranno da oggi utilizzati solo in alcuni punti vendita gestiti da operatori” – precisa Aldo Maria Vigevani, CEO Gardaland.

Il processo di sostituzione è già iniziato in alcuni punti e andrà progressivamente a regime nel corso dell’anno: da quel momento i punti ristorazione del Parco utilizzeranno solo piatti, posate e contenitori vari da conferire dopo l’uso direttamente nell’UMIDO perché realizzati in materiale biodegradabile-compostabile secondo i requisiti della norma EN 13342. Si tratta di un importante passo verso il divertimento green.

Basta sprechi

L’impegno a favore dell’ecosostenibilità però non finisce qui!

Gardaland infatti combatte gli sprechi energetici e valorizza i comportamenti virtuosi dei propri collaboratori, in modo che tutti possano dare il proprio contributo alla lotta all’inquinamento.

Da tempo, ad esempio, il Parco rimane completamente spento durante la notte, in modo da consentire un elevato risparmio energetico e ridurre l’impatto ambientale; ogni collaboratore viene inoltre invitato a sviluppare buone abitudini a tutela dell’ambiente – come spegnere la luce quando si lascia una stanza, ottimizzare l’uso degli impianti di raffreddamento e riscaldamento, incrementare la raccolta differenziata e ridurre l’uso di carta stampata – e a suggerire nuove idee per ridurre ancora di più il proprio impatto ambientale.

Gardaland SEA LIFE Aquarium

Molto importante è infine il ruolo di Gardaland SEA LIFE Aquarium, l’acquario tematizzato di Gardaland, attivo da oltre 10 anni in attività di edutainment, volte ad educare i suoi Ospiti facendoli innamorare degli oceani e insegnando loro a rispettare le creature che li abitano attraverso il divertimento e le esperienze ravvicinate.

Un esempio di questo impegno sono i laboratori interattivi proposti dall’Acquario, durante i quali i piccoli Visitatori diventano più consapevoli sui danni che l’inquinamento causa al mondo marino e imparano come tutti possano dare un piccolo contributo alla salvaguardia ambientale attraverso il riciclo dei materiali.

L’Acquario organizza anche eventi di pulizia del litorale del Lago di Garda durante i quali bambini e genitori vengono coinvolti in passeggiate ecologiche finalizzate a raccogliere i rifiuti di ogni genere, creando così occasioni importanti di sensibilizzazione dei giovani alla salvaguardia del pianeta.

“Come la maggior parte dei nostri Ospiti, anche noi siamo preoccupati per l’elevato inquinamento del pianeta e le conseguenze che ne derivano, quali i cambiamenti climatici. Il nostro SEA LIFE Aquarium è molto attento a queste tematiche e si batte costantemente per sensibilizzare gli Ospiti sulla salvaguardia delle nostre acque e delle creature che le abitano” dichiara Aldo Maria Vigevani, CEO Gardaland.

Per ulteriori informazioni www.gardaland.it.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it