L'esordio discografico di Giulia Mei, una “cantautrice al pianoforte”

L’esordio discografico di Giulia Mei, una “cantautrice al pianoforte”

È uscito il 28 marzo "Diventeremo adulti", un album d'autore fuori per l'etichetta di Edoardo De Angelis "Il Cantautore necessario"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Roma – “E fattela ‘na risata” è il singolo che ha anticipato “Diventeremo adulti”, album d’esordio di Giulia Mei. Artista eclettica ed originale, classe 1993, dopo l’EP “Pianopiano” ha fatto il salto con un disco di 11 canzoni (di cui è autrice e compositrice) più la bonus track Iu c’àiu a tia, reinterpretazione del brano del cantautore siciliano Francesco Giunta. Un lavoro “Diventeremo adulti” che trae ispirazione dalle principali scuole cantautorali italiane, in particolare quella genovese di De André, Tenco e Fossati, e da quella francese (Brel e Brassens sopra tutti), introducendo però al contempo elementi folk, pop e indie rock. Il risultato di queste commistioni è un album particolarmente eclettico, che si propone di fare da ponte tra vecchie e nuove suggestioni.

Tutto il disco, prodotto a Roma con la collaborazione artistica del cantautore Edoardo De Angelis, ruota attorno al pianoforte, strumento principale di accompagnamento di Giulia. Si va dal pop di brani più ricchi e arrangiati (Tutta colpa di Vecchioni, Kundera, La 600 (tutta rotta), E fattela ‘na risata!, ecc.) all’intimità di brani piano e voce (Quelli che amano hanno lo sguardo più lucido e folle che c’è, Lui, ecc.).

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Fabrizia Ferrazzoli
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it