Pc che passione! Al via a Roma il Vintage Computer Festival

Pc che passione! Al via a Roma il Vintage Computer Festival

Pc d'epoca, rarità nerd, incontri e workshop. La capitale apre le porte alla più grande manifestazione sulla storia del personal computer
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Roma – Va in scena a Roma, il 27 e 28 aprile, il Vintage Computer Festival. Un vero e proprio paradiso per i nerd ma anche un’occasione per curiosi e nativi digitali di ripercorrere, scoprire e capire l’innovazione tecnologica che ci ha rivoluzionato la vita. L’appuntamento, in programma all’ex Cartiera Latina in Via Appia Antica 42,  è la più grande manifestazione sulla storia del personal computer. Una due giorni di  incontri, workshop e conferenze con i protagonisti del mondo dell’informatica che chiamerà a raccolta collezionisti e appassionati mettendoli di fronte a un’importante esposizione di PC d’epoca.

Ospite d’onore la pioniera americana della didattica digitale Liza Loop che sabato 27 Aprile alle ore 11:00 terrà una conferenza su “How the computer has changed teaching and learning”. Futurologa, autrice di libri e manuali di informatica, famosa per l’uso innovativo dei PC nelle scuole e per le sue riflessioni filosofiche sull’apprendimento multimediale, Liza Loop nel 1975 creò a San Francisco (California) due centri computer aperti al pubblico; Steve Wozniak, co- fondatore di Apple, rimase così favorevolmente impressionato per le sue attività didattiche che le donò il primo computer Apple mai prodotto.

Su un’area espositiva di 800 mq. i visitatori potranno conoscere e provare molti degli esemplari (tuttora funzionanti) che hanno fatto la storia del PC. Un percorso che va dal 1965 agli anni ’90 del secolo scorso, quando il computer è passato dall’essereun vantaggio per pochi a un beneficio per tutti. Da vedere: l’Olivetti Programma 101 (P101) del 1965, l’Altair 8800 il primo personal computer maneggevole e basso costo che rivoluzionò il mercato nel 1975 e l’IMSAI 8080 il famoso computer di War Games. Presenti anche alcune tra le più note pietre miliari come l’Apple-1 e il Sol-20, assieme al “trittico” costituito da Apple II, TRS 80 e il Commodore PET 2001 che nel 1976 aprì il “mercato di massa” al personal computer, e pezzi storici come Osborne 1 il primo computer portatile, IBM PC, Apple Lisa e Macintosh, Commodore Vic20 e 64, Sinclair Spectrum, Atari, Amstrad, i dimenticati MSX e tanti altri poco conosciuti ai non addetti ai lavori.

Sabato 27 aprile, alle ore 16:00 Rai Scuola, partner del Vintage Computer Festival, ha organizzato una tavola rotonda sul tema “L’insegnamento e l’apprendimento nell’era del personal computer”, coordinata da Corrado Giustozzi, informatico, storico giornalista di MCmicrocomputer e fondatore della rivista Byte Italia.

Il Vintage Computer Festival si concluderà domenica 28 aprile con l’incontro alle ore 17:00 con il musicista Mauro Sabbione, tastierista dei Matia Bazar negli anni ’80, che racconterà gli “Albori di musica elettronica con l’Alpha Syntauri”. A seguire, video-concerto per pianoforte “Tango a Berlino Parigi Londra” con brani famosi e conosciuti arrangiati con una tecnica straordinaria, accompagnati da immagini esclusive e originali.

Il festival è organizzato dal Vintage Computer Club Italia (membro della Vintage Computer Federation USA) che promuove a livello nazionale la conoscenza della storia dei personal computer realizzati nel periodo pionieristico dell’informatica, tra gli anni ’60 e ’90 del secolo scorso. La manifestazione è a INGRESSO LIBERO e non ha finalità commerciali. Per le conferenze e i workshop in inglese sarà disponibile la traduzione simultanea in cuffia.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it