Side Baby rinnega la Dark Polo Gang e lancia il suo primo disco, “Arturo”

Side Baby rinnega la Dark Polo Gang e lancia il suo primo disco, “Arturo”

Ecco l'intervista al rapper
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  “Non sono più nella Dark Polo Gang, grazie a Dio”. È un Side Baby che prende le distanze dal suo passato nel gruppo, quello che abbiamo incontrato nella nostra redazione. Oggi, il rapper è pronto a lanciare (il 19 aprile) il suo primo disco da solista, “Arturo”. Un album sincero, onesto dall’inizio alla fine, che parla di lui senza filtri. Già il titolo è una dichiarazione d’intenti. Arturo è il nome di battesimo di Side. Sceglierlo è un voler mostrarsi senza paura e un modo per cercare di cancellare quello che, nell’ultimo anno, è stato scritto di lui.

“Spero che la gente se lo ascolti in maniera piacevole e che riesca a vedere una parte di me che non è solo quella che i media hanno mostrato finora”, ci ha spiegato nell’intervista. Undici le tracce che puntano a raccontare la verità e il periodo buio vissuto: la depressione, l’abuso di farmaci e di droghe, la riabilitazione.

Non a caso, a giugno scorso, un mese dopo la diffusione della notizia dell’uscita dalla DPG, Side aveva pubblicato il singolo “Medicine”, il cui testo spiega bene quanto accaduto

Il percorso di Side Baby – che all’epoca della Dark Polo Gang – si faceva chiamare Dark Side (e forse non a caso) – è, però, ancora lungo. Il disco arriva, così, come tappa fondamentale del ritrovarsi.

A livello musicale “Arturo” è un disco omogeneo. A fare da registi The Night Skinny e Sick Luke. Ciliegina sulla torta le collaborazioni. Nella tracklist i pezzi con Luchè (in “Freddo”) e con Guè Pequeno (in “Frecciarossa”)

Per il lancio di “Arturo”, Side Baby ha organizzato una “Side House”. Nel giorno dell’uscita del disco, il rapper incontrerà (in una casa appunto) i fan, tra dj set, talk, postazioni di videogaming e attività varie.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it