Israele, la radio dei militari tra Mahmood e Pink Floyd

Israele, la radio dei militari tra Mahmood e Pink Floyd

Musica, traffico e tendenze. ‘Galgalatz’ è la stazione radio più popolare in Israele, gestita dai militari, ed è anche la più ascoltata dai giovani
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TEL AVIV – Musica, traffico e tendenze. ‘Galgalatz’ è la stazione radio più popolare in Israele, gestita dai militari, ed è anche la più ascoltata dai giovani.

Proprio quei ragazzi che nello Stato ebraico sono obbligati a tre anni di servizio militare, gli uomini, e a due, le donne.

Galia Niv, ventenne in divisa, insieme a Nadav Ravid, il direttore della Radio, ci accolgono nella redazione in un vecchio e affascinante palazzo vicino a Jaffa e ci spiegano come il Paese si stia preparando ad ospitare l’Eurovision Song Contest, in programma a Tel Aviv dal 14 al 18 maggio.

“La musica italiana va forte e ‘Soldi’, la canzone di Mahmood, è una delle più ascoltate”. Il direttore spiega che la programmazione musicale è completamente libera e non subisce alcuna restrizione da parte dell’esercito.

“Ci basiamo sul buon senso, magari canzoni con testi troppo espliciti non le mandiamo la mattina…”.

E i Pink Floyd? Anche sul gruppo britannico – il cui leader Roger Waters è uno dei maggiori esponenti del Movimento Bds per il boicottaggio di Israele – non c’è alcun veto. Anzi “una delle canzoni più amate è ‘Wish you were here'”. Ravid sottolinea serafico: “A noi interessa la bella musica, in politica rispettiamo la libertà di pensiero”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it