Riparte da Genova il progetto della Fondazione Falcone 'Università per la legalità'

Riparte da Genova il progetto della Fondazione Falcone ‘Università per la legalità’

L'iniziativa si inserisce tra le celebrazioni per la giornata del 23 maggio 'Palermo chiama Italia'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – Ventisette università in rete per onorare il lavoro di Giovanni Falcone, il magistrato ucciso da Cosa nostra il 23 maggio 1992. Il progetto ‘Università per la legalità’- promosso dalla fondazione ‘Giovanni Falcone’ insieme al Miur, d’intesa con la conferenza dei rettori delle università italiane e il consiglio nazionale degli studenti universitari- arriva alla sua terza edizione e soprattutto si allarga, accrescendo il numero degli atenei aderenti.

Tema di questa terza edizione è la ‘Convenzione di Palermo: l’eredità di Giovanni Falcone’ in ricordo della convenzione Onu contro il crimine organizzato transnazionale, siglata a Palermo nel 2000 proprio sulla scia del lavoro teorico del magistrato ucciso dalla mafia il 23 maggio 1992. Gli studenti degli atenei interessati si ritroveranno il 2 e il 3 maggio presso l’università di Genova per l’illustrazione dei lavori realizzati e per assistere alla lectio magistralis tenuta da Antonio Balsamo, consigliere giuridico della rappresentanza italiana permanente nella sede dell’Onu a Vienna.

Parteciperanno anche Maria Falcone, presidente della fondazione Falcone e sorella del magistrato, e il procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero de Raho. Al tema della convenzione di Palermo si ispireranno anche tutte le commemorazioni delle stragi di Capaci e via D’Amelio riunite nell’evento nazionale ‘Palermo chiama Italia’ che si celebrerà il prossimo 23 maggio a Palermo e in tutta Italia.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it