Milano, giovani studentesse protagoniste alla 'STEM in the city'

Milano, giovani studentesse protagoniste alla ‘STEM in the city’

Con Fondazione Mondo Digitale una maratona per lanciare il programma womENcourage 2019
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – A Milano, l’hanno chiamato ‘STEM in the city’ il mese interamente dedicato alle scienze e alle innovazioni tecnologiche in campo digitale. È l’iniziativa promossa dal comune- in collaborazione con importanti realtà del settore pubblico e privato e il sostegno dell’Onu- per diffondere la cultura delle STEM, rimuovere gli stereotipi culturali che allontanano le ragazze dai percorsi di studio nelle materie tecnico-scientifiche, ridurre il divario di genere nelle carriere e nelle professioni di questo settore.

Dunque particolare attenzione è rivolta alle giovani generazioni, specialmente nella tre giorni della ‘Maratona delle STEM’, in corso da oggi e fino a mercoledì 8 maggio. Sono infatti oltre 15 le iniziative con gli studenti organizzate su Milano e provincia dalla Fondazione Mondo Digitale, partner dell’iniziativa, con l’obiettivo di creare un circolo virtuoso tra formazione e impresa e rendere i giovani protagonisti della trasformazione digitale in atto. Per favorire la parità di genere e sostenere la realizzazione delle giovani donne a livello professionale, nella mattinata di oggi si è svolto un hackathon in rosa presso la sede Eni di San Donato milanese.

A premiare e ispirare le 65 studentesse delle superiori che si sono sfidate sul tema dell’efficienza energetica in ambito domestico e scolastico, sono state Roberta Cocco, assessora alla Trasformazione Digitale del comune di Milano; Mirta Michilli, direttore generale della Fondazione Mondo Digitale e Barbara Caputo, professore ordinario al Politecnico di Torino e ricercatrice all’istituto italiano di tecnologia di Genova, oltre alle giovani mentor del Politecnico di Milano.

L’8 maggio alle 10, Floriana Ferrara, direttrice della Fondazione IBM Italia, invece incontrera’ le studentesse dell’istituto superiore di Milano ‘Caterina da Siena’ per un confronto sulle opportunità di fare impresa con il digitale. Altro appuntamento al femminile e’ ‘Girls in Stem Hackathon’, sempre l’8 maggio alle 9.30 ma stavolta presso la Microsoft House di viale Pasubio. La maratona informatica, inaugurata da Barbara Cominelli, direttore marketing di Microsoft Italia, e Mirta Michilli, è preceduta da laboratori di coding e intelligenza artificiale nell’ambito del programma della Fondazione Mondo Digitale denominato ‘Ambizione Italia per la scuola’. L

a maratona delle STEM- spiega in un comunicato la Fondazione Mondo Digitale- sarà anche “l’occasione per annunciare l’arrivo in Italia del programma ‘womENcourage 2019’, promosso da ACM, la prima associazione scientifica mondiale in Computer Science, e sostenuto da Sapienza Università di Roma, che attraverso conferenze, hackathon, incontri con role model, incoraggia giovani donne a perseguire i loro obiettivi di studio e lavoro nel settore della scienza e dell’informatica. Quest’anno- conclude il comunicato- l’evento è ospitato dal museo MAXXI di Roma, dal 16 al 18 settembre 2019”.

Inoltre, durante tutti i tre giorni della maratona, gli studenti partecipanti alla ‘Stem in the city’ avranno modo di sperimentare la formazione di ‘Vivere Digitale’: un programma che Facebook e Free Formers hanno portato in Italia con la collaborazione della Fondazione Mondo Digitale, per esplorare temi cruciali come big data e cyber security. Grazie al contributo di Fondazione Cariplo, infine, gli studenti di tre scuole milanesi, protagoniste del progetto ‘Open Space’ selezionato dal bando ‘Con i bambini’, partecipano a un workshop di ‘sound design’, scoprendo usi creativi della tecnologia e nuovi segmenti di mercato. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it