La rinascita di Izi passa da "Aletheia", il nuovo disco

La rinascita di Izi passa da “Aletheia”, il nuovo disco

Tutto quello che c'è da sapere sull'album
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Era tra gli album più attesi di maggio e finalmente è uscito. È disponibile da oggi “Aletheia”, il nuovo disco di Izi, in tutti i digital store e in formato cd e vinile in tutti i negozi di dischi per ISLAND RECORDS / Universal Music.

Dopo quasi due anni di silenzio, “Aletheia” segna il cambiamento netto vissuto dall’artista. Il disco è, infatti, quasi come un nuovo battesimo artistico ed è quasi come se fosse il primo della carriera del rapper.

QUI LA TRACKLIST

“Aletheia” raccoglie il frutto di anni di ricerca, di riflessione e di lotta costruttiva riguardo tutto ciò che finora è stato nella vita di Diego, personale ed artistica. Attraverso lo studio di svariati testi, sacri e filosofici, il rapper genovese ha cercato nuove chiavi di lettura della realtà, costruendosi una propria visione spirituale dell’esistenza.

La rinascita di Izi

Letteralmente, “Aletheia” descrive “lo stato del non essere nascosto / dell’essere evidente”, un momento di disvelamento, uno squarcio”.

L’energia creativa che ha portato alla nascita del disco arriva da momenti di epifania, rivelazioni e visioni che hanno attraversato Diego negli ultimi anni, dandogli una più profonda consapevolezza del proprio mondo interiore.

Secondo Diego ognuno di noi cela svariate anime che chiedono di essere ascoltate. Questa consapevolezza diventa quasi una missione che lo porta ad accettarsi, raccontarsi e rappresentarsi come multiplo, con un disco volutamente disomogeneo e multiforme, in grado di trovare un colore per ciascuna delle sue personalità.

Izi decide di mettersi a nudo per poi vestirsi di ogni abito che rappresenta le mille sfaccettature del proprio sé, in un gioco pirandelliano ermetico dove verità e trasparenza regnano.

Ciascuno dei 16 brani che compone l’album è tinto da una sfumatura interiore diversa dalle altre: rabbia, amore, tranquillità, leggerezza, odio. Mille frammenti che insieme svestono e rivelano tutto ciò che è vero, invitandoci a fare lo stesso, come una cura dalla prigione dell’apparenza.

“Aletheia” per Diego è la rappresentazione di un risveglio improvviso, una scossa violenta che ha urgenza di essere comunicata. Ed è proprio questo Izi scioccato a fare da cinepresa su tutto il suo passato, riuscendo ad unire i punti che prima sembravano tasselli disordinati.

Nel disco i ricordi si intrecciano con il presente

Un occhio aperto sui suoi ricordi che vigila su alcuni scorci dell’infanzia passata tra Genova e Cogoleto, luoghi già molto presenti nella discografia pregressa di Izi e che ora diventano simboli e metafore per scavare nelle sue radici.

L’omaggio a De André e ai cantautori italiani

E se Genova è una “madre”, un viaggio verso il basso, verso le proprie fondamenta, che aiutano a ricordarci di una parte del nostro Io, De André è per Diego un “padre”, un maestro a cui ha voluto dedicare un tributo all’interno del disco con la cover di “Dolcenera”.

L’approccio alla scrittura di Izi si ispira a grandi nomi del cantautorato come Battiato, Brassens, De André, Johnny Cash, Capossela e artisti contemporanei come Masego e James Blake: voci di cui Diego sente vicino il “soul”, musicale o figurato, legate indissolubilmente al proprio e altrui inconscio.

Le collaborazioni

La scelta delle collaborazioni e delle strumentali è coerente con il messaggio di “Aletheia”, una coralità di voci in grado di adattarsi a tutte le sfumature del disco: dai featuring con Sfera Ebbasta e Speranza alle produzioni di David Ice, Charlie Charles, Tha Supreme, Mace, High Klassified, Maaly Raw, Heezy Lee, Josh e Bijan Amir e Frankie P.

L’artwork del disco è stato curato da Alessandro Spreafico, realizzato da uno scatto del fotografo Alessandro Treves.

Izi ritorna con un album da ascoltare per ascoltare, ascoltarsi e sentirsi.

“Aletheia” ci invita a rimanere svegli, presenti a noi stessi, diventando un manuale arcano da sfogliare e risfogliare, in cui si nasconde la chiave per capire la sua idea di autenticità.

Una verità fatta anche di mostri e bestialità, interiori e sociali, che l’artista evoca per riconoscerli e addomesticarli, senza giudizio o vittimismo. La necessità è quella di sfidare e stimolare l’ascoltatore ad uscire dai propri confini mentali, dalla serialità del quotidiano da cui siamo anestetizzati.

L’instore tour

IZI incontrerà i fan in una serie di INSTORE in tutta Italia, in cui sarà possibile acquistare “Aletheia” sia in formato cd che in vinile e incontrare l’artista:

10.05 – ore 16.00 – GENOVA, Feltrinelli
11.05 – ore 16.00 – MILANO, Mondadori
12.05 – ore 14.30 – BRESCIA, C. C. Freccia Rossa
12.05 – ore 18.00 – PADOVA, Mondadori
13.05 – ore 16.00 – BOLOGNA, Mondadori
14.05 – ore 14.30 – VARESE, Varese Dischi
14.05 – ore 18.00 – TORINO, Feltrinelli
15.05 – ore 14.30 – LUCCA, Skystone
15.05 – ore 18.00 – FIRENZE, Galleria del Disco
16.05 – ore 17.00 – ROMA, Discoteca Laziale
17.05 – ore 15.00 – NAPOLI, Mondadori
17.05 – ore 18.00 – SALERNO, Mondadori
18.05 – ore 15.00 – LECCE, Feltrinelli
18.05 – ore 18.00 – BARI, Feltrinelli
20.05 – ore 16.00 – ALGHERO, Mondadori
21.05 – ore 16.00 – CAGLIARI, Mondadori
22.05 – ore 16.00 – PALERMO, Mondadori C.C. Forum
23.05 – ore 15.00 – MESSINA, Feltrinelli
23.05 – ore 18.00 – CATANIA, Feltrinelli
25.05 – ore 15.00 – COMO, Fregerio Dischi
25.05 – ore 18.00 – MONZA, Feltrinelli

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it