Roma, all’Auditorium premiazioni ‘Cinema&Storia’ e ‘Cinema&Società’

L'iniziativa a cura di Zetema Progetto cultura e promosso da Regione Lazio e Roma Capitale

ROMA – Premiazioni all’Auditorium di Roma per l’evento finale del progetto ‘Cinema&Storia’ e ‘Cinema&Società’. Grazie all’iniziativa a cura di Zetema Progetto cultura e promosso da Regione Lazio e Roma Capitale, i ragazzi delle scuole romane hanno potuto approfondire e prendere spunto da capolavori cinematografici più o meno contemporanei per elaborare progetti a tema. I ragazzi hanno avuto guide d’eccezione come Franca Leosini, Riccardo Milani, Antonia Truppo.

Con ‘Cinema&Società’ 2019, i ragazzi hanno potuto vedere e approfondire i contenuti di Dogman di Matteo Garrone (2018), di Come un gatto in tangenziale di Riccardo Milani (2017), Tre manifesti a Ebbing, Missouri di Martin McDonagh (2017), Cosa dirà la gente di Iram Haq (2017): quattro storie che raccontano una società in continua evoluzione, uomini e donne che vivono cercando la bellezza nascosta dietro le difficoltà della vita e ci raccontano così un’umanità variegata e complessa che non smette mai di sognare o cercare giustizia.

Un’occasione per porre l’attenzione a tematiche che hanno al centro marginalità, devianza, problemi delle alla periferia, diversità fino alle questioni che concernono l’integrazione sociale e culturale: Con ‘Cinema&Storia’, invece, le pellicole scelte sono state L’insulto di Ziad Doueiri, Full Metal Jacket di Stanley Kubrick e Le vite degli altri di Florian Henckel von Donnersmarck: un racconto del Novecento attraverso le grandi opere che hanno portato sul grande schermo la Storia con la S maiuscola oltre alle piccole storie quotidiane attraverso la forza di immagini di accurata documentazione, di poesia visionaria e di potenza narrativa per contribuire all’approfondimento e fornire spunti di riflessione attraverso parole-chiave con l’obiettivo di capire meglio quel che siamo diventati oggi e che diventeremo domani, considerando ciò che siamo stati ieri.

A presentare l’evento conclusivo, la conduttrice Andrea Delogu accompagnata da ospiti quali Thony, attrice in Tutti i santi giorni e Momenti di trascurabile felicità, i Mokadelic, autori delle colonne sonore di Gomorra, Sulla mia pelle, Come Dio comanda, Antonella Lattanzi e Leonardo D’Agostini, rispettivamente sceneggiatrice e regista de Il campione e Filippo Nigro, attore in Le Fate Ignoranti e Suburra.

Conclude la giornata la musica live dei Malihini, recentemente usciti con l’album di debutto Hopefully, Again con la label londinese Memphis Industries, e il videoremix della vj Giulia Pallotta, punta di diamante della scena visual romana. Presenti anche Albino Ruberti, capo gabinetto Regione Lazio, Roberto Cicutto, presidente di Istituto Luce-Cinecittà, Luciano Sovena, presidente di Roma Lazio Film Commission.

“Questo progetto- ha detto Ruberti dal palco dell’Auditorium- è arrivato alla decima edizione e spero che ne arrivi una undicesima perché mi arrivano tre messaggi al giorno con suggerimenti di nuovi progetti. Questo per dire che questa è la parte più bella del mio lavoro, si tratta infatti di una bella dimostrazione di come si possano unire la cultura, la scuola e il cinema creando sinergie che arricchiscono i ragazzi”.

2019-05-13T12:34:04+02:00