Tg Scuola - edizione del 17 maggio 2019

Tg Scuola – edizione del 17 maggio 2019

Si parla di: School in Motion, pallacanestro e #PalermoChiamaItalia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

School in Motion, a Roma il primo festival dell’animazione educativa
Può, un cartone animato, spiegare la complessità dei calcoli matematici o la magia di un’opera d’arte? ‘School in Motion’, il primo festival dedicato alla didattica animata, dimostra che è possibile. Attraverso la chiarezza delle immagini, infatti, il linguaggio dell’animazione attiva i processi cognitivi degli alunni, e comunica la cultura in modo stimolante. Il museo Maxxi di Roma ha ospitato la premiazione dell’iniziativa, realizzata nell’ambito del Piano Nazionale Cinema per la Scuola e promossa da Miur e Mibac con il patrocinio della Regione Lazio e del Comune di Roma. Tra le 40 produzioni internazionali, la giuria di esperti ha decretato come vincitore ‘Fears’, corto animato sul tema della paura, mentre il voto dei ragazzi in sala è andato a ‘Mr indifferent’, film iraniano che ha colpito i giovani per il messaggio di umanità verso il prossimo.

Galanda a studenti: “Importanti non sono le vittorie ma come ci si arriva”
“Il vincente non è chi conquista una medaglia ma chi riesce a dare tutto quello che può. Fate sport, qualsiasi sport, perché fa bene non solo al fisico ma anche alla testa e al vostro futuro, e vi aiuta ad avere obiettivi e raggiungerli”. Giacomo Galanda, ex cestista, argento alle Olimpiadi di Atene 2004 e oro agli Europei di Francia del 1999, non potrebbe essere esempio migliore per parlare ai giovani del ‘Valore dello sport’. Il campione di pallacanestro ha incontrato i ragazzi dell’istituto Salvini di Roma per parlare dei sacrifici e delle vittorie che hanno segnato la sua attività agonistica. Due ore di domande e risposte che hanno toccato tutti gli aspetti della vita dell’atleta: dai principi dello sport alle scelte che hanno determinato la sua carriera.

#PalermoChiamaItalia, il 23 maggio 70mila studenti per anniversario stragi
Sono oltre 70mila gli studenti che anche quest’anno, il 23 maggio, affolleranno le piazze di tutta Italia per #PalermoChiamaItalia. Di questi, circa 1.500 salperanno da Civitavecchia direzione Palermo a bordo della Nave della Legalità. Sono le celebrazioni del 27esimo anniversario delle stragi di Capaci e via D’Amelio che vedranno protagonisti ragazzi, cittadini e rappresentanti delle istituzioni che a gran voce grideranno il loro ‘no a tutte le mafie’. Le celebrazioni inizieranno nell’Aula Bunker dell’Ucciardone, luogo simbolo del Maxiprocesso a Cosa Nostra, mentre nel pomeriggio partiranno i due tradizionali cortei: il primo si muoverà da via D’Amelio, e il secondo dall’Aula Bunker. Entrambi si ricongiungeranno sotto l’Albero Falcone per il minuto di Silenzio, alle 17.58, l’ora della strage di Capaci. A salutare la partenza della Nave a Civitavecchia, sarà il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Chiara, campionessa di pugilato: “Se può farlo un maschio, posso farlo anch’io”
A soli sedici anni, è già campionessa italiana di pugilato e ha le idee chiarissime: vincere le prossime olimpiadi. Lei è Chiara Saraiello, studentessa napoletana e atleta che alla Dire ha raccontato la sua storia.


 

Dalle scuole:

 

Liceo Serpieri di Rimini
Presentati i Green Games: giochi green ideati e realizzati interamente dai ragazzi nell’ambito del progetto ‘Intrap(p)rendere Green’.

Istituto Pacinotti-Archimede di Roma
Quattro studenti parteciperanno alla RoboCup Junior Euro 2019 che si svolgerà ad Hannover dal 21 al 23 giugno.

Istituto Comprensivo Carignano di Torino
Presentato un ddl per educare alla pace nell’ambito del progetto ‘Vorrei una legge che…’

L’Istituto Comprensivo Fanelli di Roma
Gli studenti in scena a teatro con lo spettacolo ‘Sogno di una notte di mezza estate’.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it