Una favola per educare i più piccoli al riciclo

Una favola per educare i più piccoli al riciclo

E' il progetto Waste Travel 360 gradi, il primo programma di realtà virtuale applicata all'Economia Circolare approdato in tante scuole italiane con il linguaggio innovativo della multimedialità, che oggi diventa anche una divertente pubblicazione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – C’erano una volta i rifiuti. Potrebbe essere questo l’incipit di una favola del futuro in cui riciclare sarà diventato abituale. È per farla diventare realtà che è nato il progetto Waste Travel 360 gradi, che avvicina i bambini al concetto del riutilizzo grazie alle potenzialità delle nuove tecnologie.

“Oggi ogni prodotto non è solo un rifiuto ma può diventare materia prima- ha commentato questa mattina a Roma il sottosegretario all’Ambiente, Salvatore Micillo, in occasione della nuova edizione del progetto presentata al Complesso monumentale di San Salvatore in Lauro– Vogliamo introdurre l’educazione ambientale nelle scuole e avvicinare i più giovani ai concetti di economia e sviluppo sostenibile, e farlo attraverso le nuove tecnologie vuol dire innescare un meccanismo ancora più virtuoso”.

La novità del progetto, infatti, consiste nell’utilizzo della realtà virtuale per catapultare i bambini direttamente negli impianti di lavorazione dei rifiuti, per coniugare didattica e innovazione tecnologica. Partito nel 2017 negli istituti di tutta Italia, Waste Travel 360 gradi ha già coinvolto più di 50mila studenti, e oggi si rinnova a partire dalla pubblicazione de ‘La favola del riciclo: l’economia circolare, un gioco da ragazzi’. Un libro che raccoglie tutte le tappe dell’iniziativa, arricchito con le foto e le impressioni dei più piccoli. Il progetto è realizzato da Ancitel energia e ambiente, in collaborazione con alcuni dei più importanti Consorzi di filiera come Cial per l’alluminio, Comieco per carta e cartone, Corepla per la plastica e Coreve per il vetro.

“Il rifiuto è una materia e come tale deve essere trasformata e non buttata- ha aggiunto Filippo Bernocchi, presidente Ancitel energia e ambiente entro il 2050 niente sarà più destinato allo scarto, e ogni oggetto verrà progettato per essere riutilizzato e avviato al riciclo”.

Puntando il loro visore su un oggetto, i ragazzi potranno viaggiare nel futuro e vedere come quel materiale possa trasformarsi una volta buttato, per un viaggio virtuale che attraverso la guida di un supereroe mostrerà loro la magia del riciclo. Il libro verrà distribuito gratuitamente ai Consorzi di filiera, alle scuole e tutti coloro che hanno fatto parte di del progetto, che continuerà a viaggiare nelle scuole di tutta Italia. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it