Dalla Germania con furore. L'intervista ai Giant Rooks

Dalla Germania con furore. L’intervista ai Giant Rooks

Fred e Finn ci hanno raccontato il loro anno speciale e il loro nuovo EP, Wild Stare
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Dopo averli ascoltati non potrete farne a meno. Sono arrivati come un ciclone e sono destinati a restare i Giant Rooks, ovvero Frederik Rabe, Finn Schwieters, Luca Göttner, Jonathan Wischniowski e Finn Thomas. Dalla Germania con furore.

Negli ultimi mesi, hanno spopolato con “Wild Stare” e ora sono tornati con il loro EP omonimo e un nuovo singolo “100 mg”. Diregiovani li ha incontrati  (due di loro in realtà, Fred e Finn) in occasione del loro concerto a Le Mura di Roma di venerdì scorso. 

Vent’anni e pieni di energia, i Giant Rooks si distinguono per un sound particolarissimo e una scrittura personale e raffinata. Cinque i pezzi nell’EP che è solo un assaggio di quello che sarà l’album di debutto della band. Il piano, secondo quanto ci hanno raccontato i due artisti, è quello di scriverlo e pubblicarlo entro la fine dell’anno. 

La musica dei Giant Rooks è un mix di good vibes e temi importanti. In “100mg”, per esempio, parla della depressione e di come ci sia una via d’uscita. Il risultato, in ogni caso, è un successo. Non a caso, sono entrati direttamente nella Top 20 dei pezzi più passati nelle radio italiane con “Wild Stare”. Valgono decisamente un ascolto!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it