Golf è donna, il progetto della Fig per un 'green al femminile'

Golf è donna, il progetto della Fig per un ‘green al femminile’

Anche le scuole coinvolte nel programma Ryder Cup 2022
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Nel golf la donna è considerata come il maschio e noi vogliamo, sui campi, soprattutto le mamme con i loro bambini”. A dirlo è stato Franco Chimenti, presidente della federazione italiana golf, nel corso della presentazione del progetto ‘Golf e’ donna’, tenutasi all’Olgiata golf club.

Un progetto della Fig per la crescita del movimento femminile, realizzato in collaborazione con Susan G. Komen Italia e con il patrocinio del Coni. Un’iniziativa che punta alla crescita del numero delle giocatrici (25% dei tesserati totali nel 2018), anche sulla scia dei numerosi successi internazionali delle giovani promesse della nazionale italiana dilettanti femminile.

“L’obiettivo è quello di avvicinare il mondo del golf alle donne, e 15 circoli apriranno le porte in modo particolare per dare la possibilità di conoscere questo sport- ha dichiarato Gian Paolo Montali, direttore generale del progetto Ryder Cup 2022- e abbiamo creato un piano strategico, per la crescita e lo sviluppo del golf nel nostro Paese e quindi, oltre a ‘Golf è donna’, c’è anche un altro progetto, ‘Golf a scuola’, per portare lo stile e i valori di questo sport nelle classi”.

Il progetto ‘Golf è donna’, nella sua fase pilota, coinvolgerà 15 circoli d’Italia che ospiteranno iniziative ed eventi di promozione tutti al femminile. Dalle gare su 9 buche, all’intrattenimento per i bambini, passando per la preparazione atletica, la cura del corpo e il benessere psicofisico.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it