Marco Carta: niente arresto. Il giudice non lo convalida

Marco Carta: niente arresto. Il giudice non lo convalida

Secondo quanto riportato dal suo avvocato il fatto è attribuibile ad altri soggetti e il cantante è totalmente estraneo alla vicenda
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Marco Carta è stato assolto dall’accusa di furto aggravato. Nel corso del processo per direttissima, il giudice ha infatti stabilito la sua ‘totale estraneità’ ai fatti. A spiegarlo è stato il suo avvocato Simone Ciro Giordano: “E’ stata chiarita la totale estraneità di Marco Carta. Lui è estraneo a qualsiasi addebito. Il fatto è attribuibile ad altri soggetti, lui è totalmente estraneo, è stato acclarato dal giudice. Marco è una bravissima persona. È stato contentissimo”.

A quanto pare, la decisione del giudice si è basata sul fatto che il cacciavite trovato per  togliere l’antitaccheggio in realtà si trovava nella borsa della donna che al contrario, sembra essere stata arrestata.

Non rimane che attendere a questo punto, la versione dei fatti riportata dallo stesso Marco Carta, magari sui social.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it