Marco Carta: niente arresto. Il giudice non lo convalida

Secondo quanto riportato dal suo avvocato il fatto è attribuibile ad altri soggetti e il cantante è totalmente estraneo alla vicenda

ROMA – Marco Carta è stato assolto dall’accusa di furto aggravato. Nel corso del processo per direttissima, il giudice ha infatti stabilito la sua ‘totale estraneità’ ai fatti. A spiegarlo è stato il suo avvocato Simone Ciro Giordano: “E’ stata chiarita la totale estraneità di Marco Carta. Lui è estraneo a qualsiasi addebito. Il fatto è attribuibile ad altri soggetti, lui è totalmente estraneo, è stato acclarato dal giudice. Marco è una bravissima persona. È stato contentissimo”.

A quanto pare, la decisione del giudice si è basata sul fatto che il cacciavite trovato per  togliere l’antitaccheggio in realtà si trovava nella borsa della donna che al contrario, sembra essere stata arrestata.

Non rimane che attendere a questo punto, la versione dei fatti riportata dallo stesso Marco Carta, magari sui social.

2019-06-01T17:39:34+02:00