VIITO. Il nuovo singolo "Bolo Centrale" è un omaggio alla città emiliana

VIITO. Il nuovo singolo “Bolo Centrale” è un omaggio alla città emiliana

La band di adozione romana si è trasferita a Bologna ma è pronta a partire per i festival italiani con il “Mi farei arrestare tour”
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Roma – Si chiama “Bolo Centrale” il nuovo singolo dei VIITO appena uscito per Sugar su tutte le piattaforme digitali. Gli studenti fuori sede di adozione romana festeggiano un nuovo corso della storia della band che si è trasferita recentemente dalla capitale nel capoluogo emiliano. Il brano arriva dopo il successo dell’album di debutto “Troppoforte” ed è un omaggio alla città di Bologna e ai suoi grandi maestri della canzone da Lucio Dalla a Luca Carboni e Samuele Bersani. Nel testo echi di un’estate italiana, dove romanticismo e malinconia si uniscono alla voglia di libertà e di piccole trasgressioni quotidiane, fatte di sveglie posposte e temporali estivi.

Quest’estate i Viito saranno live nei principali festival italiani con il “Mi farei arrestare tour”, organizzato da Magellano Concerti. Queste le prime date annunciate: si parte il 27 giugno dal Tuborg Open Fest di Milano e si prosegue il 3 luglio al Flowers Festival di Torino, il 7 alla Festa Allegrona di Allerona Scalo (TR), il 12 al Reality Bites Festival di Massarella (FI), il 19 sarà la volta della Capitale con l’appuntamento al Rock In Roma, il 27 al Summer Nite Love Festival a Mogliano Veneto (TV), il 10 agosto alla Festaradio di Brescia, il 13 saranno poi tra i protagonisti dello Sziget Festival di Budapest e il 17 al Torre Regina Plays to Serranova a Serranova (BR). I biglietti sono disponibili in prevendita su Ticketone.it e nei circuiti di vendita abituali.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it