Ficana, scoprire il passato per conoscere il presente

Ficana, scoprire il passato per conoscere il presente

Il progetto formativo si è concluso oggi all’istituto Magellano di Acilia con l’inaugurazione della mostra
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ACILIA – Due anni di progettazione e un anno di attività pratica che ha coinvolto più di 100 studenti di tre scuole tra Acilia e Ostia: l’istituto ‘Verne Magellano’, il liceo ‘Anco Marzio’ e l’istituto comprensivo ‘Carotenuto’. Sono i numeri di ‘Ficana: scopriamo un’antica città’, progetto formativo che si è concluso oggi all’istituto Magellano di Acilia con l’inaugurazione della mostra, risultato finale di un lungo percorso. 

Ficana, l’antica città latina sorta nell’età del bronzo nei pressi del Tevere, ha così ripreso vita grazie ai ragazzi delle scuole del territorio. 

Gli studenti, protagonisti attivi in tutte le fasi del progetto, si sono oggi trasformati in guide per genitori e cittadini, accompagnando i visitatori in un viaggio nel passato.  

Un laboratorio per riprodurre la ceramica antica, un plastico dettagliato dell’antico contesto urbano, una ricostruzione in 3D dell’abitato e di utensili ritrovati nel sito, pannelli didattici e un murale a tema all’ingresso dell’istituto. Sono questi gli elementi che compongono la mostra che resterà aperta fino a domani pomeriggio.

Il progetto, che ha coinvolto ragazzi dai 10 ai 18 anni, nasce grazie al Programma operativo nazionale (Pon) dei fondi strutturali europei 2014-20, nell’ambito del potenziamento dell’educazione al patrimonio culturale, artistico e paesaggistico, ed è stato svolto con il patrocinio di Roma città metropolitana, Muncipio X, e la collaborazione del Comitato di quartiere Acilia sud monti di San Paolo.

Un progetto ampio e coinvolgente che per Eleonora, una delle studentesse coinvolte, “ha significato scoprire anche un po’ se stessi perché scoprendo il passato scopri anche il presente”. 

“È stato emozionante- ha aggiunto Alessandro- io neanche sapevo l’esistenza di questa ricchezza culturale vicino casa, riportarla alla luce è stato molto bello e interessante mi ha arricchito culturalmente”. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it