Maturità, le prime impressioni dal Talete di Roma

Maturità, le prime impressioni dal Talete di Roma

La traccia più scelta quella scientifica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Voi che traccia avete scelto? Quanto l’avete fatto lungo?”, sono le domande che si scambiano trafelati i primi gruppi di studenti e studentesse che escono dal portone del liceo scientifico ‘Talete’ di Roma. Le facce che spuntano dall’ombra della porta d’ingresso, accecate dal sole della strada, sembrano pero’ rilassate e soddisfatte.

“Dopo due ore avevo già finito- racconta Lorenzo – ma ho aspettato a consegnare per non fare una brutta figura con gli esterni, come se non me ne fregasse niente”. La maggior parte degli studenti che escono hanno scelto la traccia B2, ‘L’illusione della conoscenza’ di Steven Sloman e Philip Fernbach, la più attinente al curriculum scientifico.

“Le tracce proposte erano abbastanza semplici ed era facile ricollegarsi a molte cose che abbiamo studiato quest’anno”, sostiene Lorenzo, che è già proiettato al viaggio di maturità: “non vedo l’ora di finire perché partiremo a Zante con tutta la classe, staremo una settimana in un grande appartamento tutti insieme”. Ma non tutti sono così rilassati come lui, come Carlotta, che esce con le mani sul viso: “Mi sembra di aver scritto troppo poco, e sopratutto di aver ripetuto sempre le stesse cose con parole diverse”, ammette con sconforto. “Ma voi quali riferimenti ci avete messo?”, si chiedono a vicenda i ragazzi.

Non mancano le trovate ingegnose, come quella di Alessandro: “Io ho fatto la traccia B2 e come conclusione ho inserito un riferimento a ‘Jurassic World’ per la questione delle mutazioni genetiche, perché l’altro giorno ho visto su Facebook che il professore esterno di italiano è appassionato di cinema”.

Sui professori esterni piove poi qualche critica e presa in giro: “Ma hai visto quello di italiano, con la polo gialla canarino, non ti rispondeva a mezza domanda neanche a pregarlo in ginocchio!”, scherza Leonardo. Il clima è decisamente sereno, anche se incombe la paura per la prova di domani, quella che è cambiata di più con l’ultima riforma includendo entrambe le materie caratterizzanti del curriculum di studi.

Lorenzo, che sembra tranquillo anche per la seconda prova, scherza: “oggi sono riuscito a fare il colpo grosso finendo con una bella citazione di Einstein, ‘l’uomo ha inventato la bomba atomica, ma nessun topo al mondo costruirebbe una trappola per topi’, se domani mi va male, secondo me recupero con questa!”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it