Dal copione al video: i ragazzi riscrivono 'I promessi sposi napoletani'

Dal copione al video: i ragazzi riscrivono ‘I promessi sposi napoletani’

Il progetto della scuola media 'Belvedere' di Napoli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – I promessi sposi in chiave napoletana. Un lavoro di riscrittura della celebre opera di Alessandro Manzoni realizzato dagli alunni della scuola ‘Belevedere’ di Napoli che ieri sera hanno portato in scena il loro spettacolo. Il lungo lavoro, realizzato nell’ambito della terza edizione del progetto ‘Dal copione al video’, ha coinvolto studenti di seconda e terza media.

Dopo il Decameron di Boccaccio e la Divina Commedia di Dante già attualizzate e adattate nelle precedenti edizioni, gli studenti hanno riscritto I promessi sposi. Renzo e Lucia non vivono su “quel ramo del lago di Como” ma nella Napoli dei nostri giorni, affrontando i problemi che tutti gli adolescenti, come chi ha riscritto l’opera, si trovano a dover fronteggiare ogni giorno.

“In questo nostro progetto abbiamo cercato di reinterpretare l’opera cercando di trasmettere degli ideali che abbiamo colto a scuola- ha detto Laura che nel corto interpreta Lucia- abbiamo sperimentato da vicino cosa vuol dire essere liberi di esprimerci, le professoresse ci hanno dato dei consigli e coordinato ma per il resto siamo stati appunto liberi”.

Obiettivo del progetto, realizzato grazie al supporto della regione – presente alla proiezione del lavoro nella persona dell’assessore all’istruzione Lucia Fortini e coordinato dalle docenti d’italiano Maria Sacco e Tiziana La Franceschina – è quello di far conoscere ai ragazzi un classico della letteratura, allenarli al ragionamento e alla scrittura, infine di farli salire sul palco. Per la realizzazione e la messa in scena dello spettacolo la scuola ha potuto contare sul supporto del Cinema Plaza che ha messo a disposizione un regista, Pasquale Renza, per la realizzazione del cortometraggio.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it