Paraciclismo, Alex Zanardi vince campionato italiano assoluto MH5

Paraciclismo, Alex Zanardi vince campionato italiano assoluto MH5

Il quattro volte campione conquista il tricolore sulle strade di Marostica e Bassano del Grappa
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Più di 200 atleti al via ai campionati italiani assoluti di paraciclismo, andati in scena sulle strade di Marostica e Bassano del Grappa, che hanno accolto le sfide a cronometro e in linea su un circuito lungo 5500 metri con partenza ed arrivo a piazza degli Scacchi. Nella categoria MH5 Alex Zanardi, ex pilota di Formula 1, quattro volte campione paralimpico (Londra 2012 e Rio 2016) e otto volte campione mondiale, ha ottenuto il tricolore nella prova in linea e a tempo.

L’atleta del Circolo canottieri Aniene ha battuto, in entrambe le gare, Diego Colombari della polisportiva Passo A.S.D. onlus, con un vantaggio di 2 minuti e 19 secondi nella crono e di oltre sette minuti nella prova in linea. Un successo straordinario anche per Renato Di Rocco, presidente della federazione ciclistica italiana: “È un evento che mi sta particolarmente a cuore, perchéin grado di regalare sempre emozioni. I miei complimenti all’A.S.D. Giubileo Disabili – Roma per aver organizzato la manifestazione in maniera impeccabile, ma soprattutto un grazie a tutti gli atleti, che con le loro imprese hanno impreziosito questa edizione”.

Oltre a Zanardi, hanno conquistato il titolo nelle rispettive categorie anche Anobile, Pittacolo, Farroni, Mazzone, Vitelaru, Cecchetto, Cornegliani, Cretti, Mele, Masini ed il tandem Pizzi-Panizza, confermando l’ottimo stato di forma in prospettiva dei prossimi impegni internazionali in Coppa del Mondo a Baie Comeau in Canada e ai Mondiali ad Emmen in Olanda.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it