Roma, a Cinecittà World il campionato italiano fuochi d'artificio

Roma, a Cinecittà World il campionato italiano fuochi d’artificio

Ogni sera, dal venerdì alla domenica e fino al 7 luglio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Al via questa sera la seconda edizione di ‘Stelle di Fuoco’ il campionato italiano di fuochi d’artificio che coinvolge le migliori scuole pirotecniche del Paese. Una vera e propria competizione agonistica basata sull’ingegno, l’arte e la tecnica che ciascuna squadra metterà in campo per sorprendere i giudici e lo spettatore con scenografie multiformi.

Ogni sera, dal venerdì alla domenica e fino al 7 luglio, ci saranno tre spettacoli pirotecnici consecutivi di diversa tipologia con diverse postazioni di lancio radiocomandate e partenze simultanee che accenderanno coreografie di fuochi d’artificio di grandi dimensioni. La prima tipologia di spettacolo è piromusicale, con fuochi d’artificio abbinati a famose colonne sonore cinematografiche.

La seconda tipologia è piroemozionale, con effetti scenografici a distanza ravvicinata. Infine, la terza tipologia è lo spettacolo pirogiga, uno spettacolo pirotecnico con fuochi super potenti che concluderà ogni serata dell’evento. Una giuria tecnico-artistica, composta da cinque esperti, decreterà il vincitore e assegnerà i trofei dal primo al terzo classificato sia per la sezione piroemozionale che per la sezione pirogiga.

Nella prima settimana saranno in gara: Pirotecnica Piroparty di Ciampino (Roma), Pirotecnica F.lli Romano di Angri (Salerno), Pirotecnica Sant’Antonio di Vò (Padova), Colonnelli Fireworks di Nepi (Viterbo), Pirotecnica Bordini di Formello (Roma) e Tecnoshow De Candia e Palmieri di Molfetta (Bari). Nella seconda settimana sono attese le prestazioni dei maestri di Napoli e Salerno.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it