Bologna, quarto giorno di Summer School con la Dire

Bologna, quarto giorno di Summer School con la Dire

Nuovi articoli e nuovi video per gli apprendisti giornalisti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Imprese, cooperative, grandi aziende e multinazionali: nuovi argomenti, oggi, per i sei gruppi di studenti che stanno partecipando alla Summer School di giornalismo a Bologna con diregiovani.it e i giornalisti della Dire. Se il tema resta il lavoro, cambiano invece le persone e i punti di vista attraverso cui raccontarlo.

Una storia a lieto fine l’hanno scritta le ragazze che si sono recate all’Ausl per scoprire la vicenda di cinque giovani autistici che, grazie alle loro capacità e a un percorso ad hoc di inserimento lavorativo oggi ricoprono un ruolo altamente specializzato in un’azienda multinazionale.

Di talenti che mancano si è parlato invece con Claudio Pazzaglia direttore della Cna, Luca Roversi direttore dell’ente di formazione Cna Ecipar Bologna e con Mauro Aleotti di Eostech e presidente Cna Unione e Produzione Bologna: al centro di questo incontro il mancato incontro tra domanda e offerta di lavoro tra giovani qualificati e piccole e medie imprese del territorio. Un colosso come GD è stato oggetto di indagine da parte di uno dei gruppi di studenti che hanno intervistato Maurizio Pini, delegato aziendale Fim-Cisl, sui benefit e le agevolazioni di cui godono i dipendenti dell’azienda.

Con Pierlorenzo Rossi, direttore generale di Confcooperative Emilia Romagna si è parlato di cooperative come opportunità per i giovani che vogliono essere competitivi nel mondo del lavoro, mentre con Tommaso Falchi, rappresentante di Riders Union, i ragazzi hanno affrontato il tema della condizione, ad oggi, dei ciclofattorini e di come creare condizioni di lavoro più sicure per questa categoria.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it