I festival delle Scuderie MArteLive invadono l'Estate italiana

I festival delle Scuderie MArteLive invadono l’Estate italiana

Oltre 10 festival tra giugno e settembre a ingresso gratuito, più di 300 tra circensi, musicisti, attori e artigiani provenienti da tutto il mondo per dare vita e colore alle province di Roma e Campobasso.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Dieci festival italiani dedicati all’Arte di Strada, hanno già iniziato a riempire di eventi unici e irripetibili l’estate della penisola, con perfomer italiani e internazionali, e una partecipazione aperta al pubblico rigorosamente a ingresso gratuito. Dai quartieri romani Corviale a Centocelle al fenomeno della città di Tolfa, da Segni a Civitavecchia conquistando anche il comune di Mirabello Sannitico in Molise. Senza dimenticare gli eventi appena conclusi ad Anguillara Sabazia e al Castello di Santa Severa, dove si è tenuto un vero e proprio incontro “al vertice” tra istituzioni e festival del settore.

Il collettivo MArteLive

Dietro la loro realizzazione, il più grande collettivo multi-artistico italiano, che ha selezionato centinaia di artisti e buskers di diverse discipline (teatro, circo contemporaneo, danza, musica, arte visiva, cortometraggi, poesia) dall’enorme bacino di progetti artistici accumulato in quasi 20 anni di attività. Il collettivo nato come spin-off del festival multi-artistico MArteLive, si conferma una realtà capace di unire in una gigantesca rete luoghi distanti, con particolare attenzione per quei contesti periferici che durante l’anno faticano a ricevere il loro necessario apporto di arte e cultura. L’estate di Scuderie MArteLive travalica così i confini e scende in piazza raggiungendo attivamente il pubblico delle province e delle periferie.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it