Ho la tiroidite di Hashimoto e ciclo piuttosto irregolare...

Ho la tiroidite di Hashimoto e ciclo piuttosto irregolare…

Salve,
mi è stata diagnosticata, qualche anno fa, la tiroidite di Hashimoto e sin da ragazzina ho sempre avuto un ciclo piuttosto irregolare.
L’ultimo è iniziato il 29 giugno, come avevo calcolato, è stato poco abbondante come sempre, ma già verso il quinto giorno ho notato delle perdite trasparenti, prima gelatinose e con lievi striature di sangue, e poi sempre più filanti e trasparenti, simili ad albume. Non ho avvertito, tuttavia, a livello vulvare una sensazione di umido/bagnato. Sono andate avanti così per circa settantadue ore , poi le perdite sono terminate per un paio di giorni, per ritornare con le medesime modalità. Persistono anche le striature di sangue coagulato.Tuttavia, adesso noto anche un vago indolenzimento del seno. Quindi, questo mese mi risulta difficile capire se stia ovulando o no, o se la stessa sia già avvenuta.
E’ possibile che la fase fertile sia iniziata il 4 ma che l’ovulazione sia stata in qualche modo “ritardata”? Undici giorni potenzialmente fertili, mi sembrano troppi… E’ possibile che tutto questo sia dovuto ad un eccesso di estrogeni?
Aggiungo che nei mesi scorsi, invece, non ho riscontrato difficoltà nel monitorare e nell’individuare con sicurezza i giorni fertili.
Spero di non essermi dilungata troppo. Grazie di cuore e in anticipo per la cortese risposta!! Cordiali Saluti

Eleonora, 36 anni



Cara Eleonora,
Solitamente quando si è in prossimità dell’ovulazione, ossia quando sta per giungere a maturazione l’ovulo potenzialmente fecondabile, il muco diventa filamentoso e trasparente, simile alla chiara d’uovo. Non è detto che la fase fertile come l’andamento del ciclo sia sempre uguale ogni mese possono riscontrarsi delle variazioni per diversi fattori in primis le oscillazioni ormonali. Le striature di sangue potrebbero essere legate ad episodi di “spotting ovulatorio”. Durante l’ovulazione, infatti, segue un brusco calo degli estrogeni (sbalzo ormonale) che solitamente precede di qualche giorno il picco ovulatorio, definito picco di LH e che provoca un piccolo sfaldamento della mucosa uterina. Quindi se il rilascio dell’ovulo avviene in un preciso giorno, il periodo ovulatorio abbraccia diversi giorni ed è per questo che le perdite possono prolungarsi. 
Lo spotting può essere provocato da cause definite disfunzionali come alterazioni ormonali da stress, pre-menopausa, disturbi del comportamento alimentare (specie bulimia) e obesità oppure può essere legato a cause organiche come cisti ovariche, vaginosi e vaginiti, polipi e fibromi, endometriosi, disfunzioni tiroidee, diabete.
Ma anche lo stress gioca un ruolo fondamentale. 

Se dovessero persistere le irregolarità potrebbe essere utile confrontarti con il tuo ginecologo per monitorare anche in funzione della disfunzione della tiroide l’andamento del ciclo.
Un caro saluto!

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it