Anche la Spagna ha le sue Maldive tossiche: è il Monte Neme, il “Chernobyl della Galizia”

Il sito è stato utilizzato come miniera di tungsteno durate la prima e la seconda guerra mondiale
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Un lago cristallino, le cui acque turchesi attirano centinaia di turisti muniti di fotocamera. Tutto molto bello se non fosse che il paradisiaco Monte Neme è una in realtà un bacino altamente contaminato.
Posizionato nella regione galiziana di Bergantiños, in Spagna, il lago fu usato come miniera di tungsteno, che forniva il materiale per la fabbricazione di lampadine e acciaio temprato durante la prima e la seconda guerra mondiale.

 

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da noelia (@nelife_13) in data:

A causa delle sostanze chimiche contenute ancora oggi nelle sue acque, il sito è soprannominato da molti “Chernobyl galiziana”.

 

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da quieresver? (@quieresverr) in data:

Il lago è tossico ed è circondato da cumuli di metalli pesanti come il tungsteno e il piombo.
Nonostante questo, sono in molti a sceglierlo come meta per idilliaci servizi fotografici.

 

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Laura Rodriguez Alvarez (@ikerylau2014) in data:

Alcuni si sono azzardati ad aggirare i divieti di balneazione, con conseguenti irritazioni agli occhi e alla pelle.

Il caso del Monte Neme ricorda quello del lago Novosibirsk in Siberia, discarica tossica dalle sembianze di un paradiso terrestre.

 

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Diego Bermùdez Remuiñán (@diegobermudezr) in data:

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Gloria Marinelli
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it