Catania, gli studenti della Summer School Dire incontrano radio Zammù

Catania, gli studenti della Summer School Dire incontrano radio Zammù

Oggi giornata dedicata all'informazione radiofonica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CATANIA – “Radio Zammù è la radio dell’università di Catania. Qui non ci sono speaker professionisti, ma studenti universitari che hanno iniziato a fare radio per passione, da pochi anni”. A raccontarlo, questa mattina ai ragazzi della Summer School Dire di Catania, è stato il giornalista radiofonico Aberto Conti, alla redazione della radio catanese.

Nella quarta giornata del corso di giornalismo, i giovani reporter sono stati ospiti in piazza Università di Radio Zammù, laboratorio studentesco che forma i ragazzi per renderli autonomi nella diretta, voce dell’ateneo e punto di riferimento della comunità catanese.

Gli studenti hanno poi intervistato Conti. “Come nasce il nome della radio?”, ha chiesto Martina e Conti ha spiegato che Zammù è il nome della bibita all’anice che si trova nei chioschi della città: “Volevamo dare un’identità geografica ben precisa alla radio”. Si è parlato, poi, dei diversi modi di fare radio: “Noi ci occupiamo di musica- dice il giornalista- e di notizie che riguardano l’università. Ci sono radio, invece, fatte solo di parole con programmi giornalistici e approfondimenti di attualità, interviste ad ospiti, estratti audio”.

Alberto Conti ha parlato anche del linguaggio radiofonico, breve, chiaro, incisivo che lo caratterizza: “Il nostro è un linguaggio meno ingessato, più informale che guarda ai suoi utenti, anche se il registro diventa formale quando intervistiamo chi riveste un ruolo istituzionale”. Finita l’intervista, i ragazzi hanno lasciato la redazione di Radio Zammù e si sono diretti al monastero dei Benedettini di Catania, sede della facoltà di Lettere e Filosofia, tra chiostri ed architetture barocche hanno scelto le loro postazioni per scrivere i loro articoli e montare i video realizzati.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it