La Compagnia del Cigno al Giffoni. Cotroneo al lavoro sulla nuova stagione

La Compagnia del Cigno al Giffoni. Cotroneo al lavoro sulla nuova stagione

Il festival è in programma fino al 27 luglio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GIFFONI VALLE PIANA – Dopo il grande successo su Rai 1, il cast de La Compagnia del Cigno e il regista e sceneggiatore Ivan Cotroneo arrivano alla 49esima edizione del Giffoni Film Fest, che si terrà fino al 27 luglio. La serie, che si prepara a tornare sul piccolo schermo con la seconda stagione, racconta il percorso di un gruppo di giovani talenti che si ritrovano a condividere lo straordinario e difficile viaggio verso la crescita personale ed emozionale uniti dall’amore viscerale per la musica e da un patto d’amicizia.

La seconda stagione della serie è in fase di scrittura, ha dichiarato Cotroneo durante l’incontro.Ringrazio le persone che hanno creduto al progetto – continua il regista – perché ci hanno permesso di portare in prima serata la musica classica e il racconto del conservatorio. Inoltre, abbiamo portato in tv tanti straordinari talenti che non appartengono a vicende legate alla cronaca nera ma sono ragazzi che si impegnano e studiano. ‘La Compagnia del Cigno’ merita una seconda stagione: non so quando inizieranno le riprese, questo dipende dall’andatura della stesura della sceneggiatura. Per ora siamo alla ricerca di altri ragazzi che si uniranno ai protagonisti”.

Il successo de La Compagnia del Cigno non ha travolto solo gli attori e il team tecnico del progetto ma anche i conservatori. “Dopo la fine della prima stagione – ha raccontato Cotroneo – c’è stato un boom di iscritti al conservatorio di Milano”.

Per i talenti nella serie e nella vita – Leonardo Mazzarotto, Fotinì Peluso, Emanuele Misuraca, Hildegard De Stefano, Francesco Tozzi, Chiara Pia Aurora, Ario Nikolaus Sgroi – è stato un anno intenso: per loro, è stata una grandissima emozione che li ha cambiati e un’esperienza unica ed indimenticabile aver fatto parte di questo progetto. A proposito de La Compagnia del Cigno 2, i protagonisti sono curiosi, chi più chi meno, di sapere cosa accadrà.

Questa esperienza ha cambiato totalmente la mia vita– ha raccontato Chiara Pia con gli occhi pieni di emozione –e da un certo punto di vista mi ha salvata. Quando ho fatto i provini avevo smesso di suonare il violoncello perché ho avuto dei problemi con il mio maestro di musica. Per me è stato un anno difficile. Io provengo da una piccola città e molti hanno la mente chiusa: quando si è saputo che avrei lasciato la scuola per le riprese, ho ricevuto delle critiche da chi ritenevo fosse il mio punto di riferimento. Ancora fatico a realizzare la grandezza di quello che ho fatto e di quello che Ivan ha scritto. Della sceneggiatura della seconda stagione non voglio sapere nulla in anticipo. Quando mi arriverà il copione lo leggerò perché quando ho letto per la prima volta quello della prima ho provato un’emozione indescrivibile”.

Per Mazzarotto, invece, “è stato un anno meraviglioso. Questa esperienza ci ha segnati, cambiati e migliorati. E’ stato un anno impegnativo ma non ho abbondonato la musica. Durante le riprese, infatti, ho continuato a studiare e a fare gli esami. Non sono trepidante di sapere qualcosa sul prossimo capitolo, mi fido di Cotroneo. Da parte mia c’è la voglia di tornare a fare questa cosa bellissima”.

Misuraca attende con ansia di sapere cosa succederà ne La Compagnia del Cigno 2 e, con grande emozione, ha raccontato la sua esperienza sul set: “Abbiamo avuto la possibilità di raccontare la musica classica, che è la nostra passione. Ho legato con questi ragazzi, ci siamo trovati a fare delle cose per la prima volta come recitare, firmare autografi e partecipare da protagonisti alla prima conferenza stampa di presentazione della serie“.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it