2006 QQ23, il 10 agosto arriva l'asteroide di San Lorenzo

2006 QQ23, il 10 agosto arriva l’asteroide di San Lorenzo

Perché viene definito potenzialmente pericoloso?
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Non solo stelle cadenti. La notte di San Lorenzo sarà caratterizzata anche dal passaggio dell’asteroide 2006 QQ23, che transiterà il 10 agosto a 0,04977 unità astronomiche (UA) dal nostro pianeta.
Una distanza “piccola”, astronomicamente parlando, ma che comunque corrisponde a circa 7,5 milioni di km (la Luna dista dalla Terra in media 384mila km). 

Dunque nessun pericolo, solo un’ottima occasione per le agenzie spaziali del mondo di studiarlo.

Ma perché è stato definito “potenzialmente pericoloso”?

La NASA raggruppa i corpi celesti a seconda della loro orbita e dimensione.

Viene definito potenzialmente pericoloso un oggetto che soddisfa due condizioni.
Deve essere un asteroide o una cometa che, durante la sua orbita, raggiunge una distanza dalla Terra minore di 0,05 UA. Ma questo non basta. Per essere considerato potenzialmente pericoloso, inoltre, deve avere anche un diametro di oltre 150 metri.
Abbastanza grande, quindi, da poter causare danni enormi se dovesse colpire la Terra.

Con un diametro compreso tra i 250 e i 570 m e una distanza minima di 0,04977 unità astronomiche, 2006 QQ23 rientra nella categoria degli oggetti potenzialmente pericolosi perché soddisfa entrambe le due condizioni.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it