La verità sull'Ofiuco, il tredicesimo segno zodiacale

La verità sull’Ofiuco, il tredicesimo segno zodiacale

Questa costellazione reietta in realtà è abbastanza grande e contiene una delle stelle più vicine alla Terra
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

È un caso lungo secoli quello dell’Ofiuco, il tredicesimo segno zodiacale che nessuno vuole.
Boicottato anche dalla comunità degli astrologi, in realtà, avrebbe tutto il diritto di reclamare un posto nello Zodiaco.
Di fatto, l’Ofiuco (o Serpentario) è a tutti gli effetti la tredicesima costellazione dello zodiaco astronomico.

Per capire come stanno le cose bisogna fermarsi un attimo e apprendere qualcosa in più su quello che noi chiamiamo zodiaco.

Lo zodiaco astronomico

Sullo sfondo della sfera celeste, il Sole viaggia in un anno lungo un percorso apparente, noto come eclittica.

La “fascia” celeste al cui centro passa l’eclittica è ciò che noi chiamiamo zodiaco.

Le stelle che fanno parte di questa fascia sono state raggruppate in quelle che noi definiamo costellazioni dello zodiaco.
E qui nasce il problema.
Queste costellazioni sono veramente 13 e sono:

– Capricorno
– Acquario
– Pesci
– Ariete
– Toro
– Gemelli
– Cancro
– Leone
– Vergine
– Bilancia
– Scorpione
– Ofiuco
– Sagittario

Di che segno sei?

I segni zodiacali astrologicamente parlando (attenzione, l’astrologia non è una scienza!) furono in origine determinati dalla costellazione zodiacale nella quale si trovava il Sole il giorno della nascita di un individuo.
Ad esempio, i nati del 13 gennaio, stando all’oroscopo comune, appartengono al segno del Capricorno.
Tuttavia, l’eclittica attraversa anche la costellazione dell’Ofiuco. E non solo.
In realtà, il Sole passa più tempo nell’Ofiuco che nello Scorpione!
Il Sole risiede ufficialmente nello Scorpione per meno di una settimana: dal 23 al 29 novembre, per poi passare nell’Ofiuco il 30 novembre e rimane all’interno dei suoi confini per più di due settimane – fino a dicembre 17.

Eppure la costellazione del Serpentario non è considerata un membro dello Zodiaco.

L’astrologia si è sempre rifiutata di inserire il 13esimo segno dello zodiaco, quindi continuate a leggere il vostro oroscopo giornaliero senza stravolgerlo.

PARLIAMO DI OFIUCO

Durante le ore di tarda sera possiamo guardare in alto verso sud-est e vedere “il medico celeste”, ovvero la costellazione dell’Ofiuco, conosciuta anche come Serpentario o “colui che porta il serpente”.
L’immagine infatti raffigura un uomo che tiene con la mano sinistra la testa e con la destra la coda di un serpente.

Curiosamente il serpente raffigurato è proprio una costellazione, il Serpente, l’unica di tutte le 88 costellazioni ad essere divisa in due (dall’Ofiuco, colui che porta il serpente, appunto).
I Greci identificarono Ofiuco con Asclepio (nell’adattamento latino Esculapio), il dio della medicina.
Secondo la mitologia, Ascelpio uccise con il suo bastone un serpente che si stava avvicinando al corpo senza vita di Glauco, figlio di Minosse.
Allora si fece avanti un altro serpente con in bocca un’erba che depose sul corpo di quello morto, che magicamente ritornò in vita. Asclepio prese la stessa erba e la pose sul corpo di Glauco, e l’effetto magico si ripeté.
A causa di quest’incidente, Ofiuco è rappresentato in cielo con in mano un serpente, che è divenuto il simbolo del recupero della salute per la caratteristica che i serpenti hanno di cambiare pelle ogni anno, come se ogni volta rinascessero.

Questa costellazione reietta in realtà è abbastanza grande e contiene una delle stelle più vicine alla Terra, la stella di Bernard (solo 5,96 anni luce da noi), invisibile a occhio nudo.
Si tratta di una stella molto speciale.
Scoperta dall’astronomo americano EE Barnard nel 1916 si tratta ancora oggi della stella con il più veloce moto proprio mai scoperta.

Curiosità: Ofiuco è anche la costellazione identificativa di Tisifone, uno dei personaggi più celebri dei Cavalieri dello Zodiaco.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it