C'era una volta a...Hollywood: una favola nostalgica e sopra le righe

C’era una volta a…Hollywood: una favola nostalgica e sopra le righe

I 'best moment' della premiere romana del film
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
4/5

ROMA – C’era una volta a…Hollywood non è il solito film di Quentin Tarantino, che per il suo nono lavoro in uscita il 18 settembre ha scelto di mettere da parte (ma non troppo) il suo lato splatter e di abbandonarsi alla nostalgia della Hollywood degli Anni 60. Il regista e sceneggiatore porta sul grande schermo una favola ‘tarantiniana’ al tempo stesso complessa e leggera (ma non superficiale), nostalgica, ‘sopra le righe’, curata nei minimi dettagli, imprevedibile, sorprendente, divertente e con un pizzico di splatter. Un vero e proprio racconto, che catapulta lo spettatore nel metacinema ( ‘il cinema nel cinema’, ovvero il cinema che parla di sé stesso), che inizia con ‘C’era una volta a Hollywood’ l’attore televisivo Rick Dalton, interpretato dal fuoriclasse Leonardo DiCaprio, e la sua storica controfigura Cliff Booth, interpretato da un esilarante e accattivante Brad Pitt. Con l’angoscia di finire fra le star dimenticate e  la voglia di sopravvivere nel cinema di Dalton e la rassegnazione di Booth, i due cercano di farsi strada in una Hollywood che ormai non riconoscono più. 

“Il cinema è diverso da quello di allora“, ha dichiarato Tarantino nel corso della conferenza stampa di presentazione del film al Cinema Adriano a Roma.La gente si impegnava a creare dei set, che ovviamente non venivano ricreati in post-produzione come oggi – continua il regista – Ci sono dei film che hanno dei set meravigliosi, basta andare in uno di questi luoghi cinematografici. Questa operazione però costava un sacco di soldi. Adesso, però, nemmeno le grosse produzione che hanno molti soldi a disposizione lo fanno più. Abbiamo perso un patrimonio enorme, ovvero la capacità di fare, l’artigianalità. Adesso non voglio fare il vecchio che dice ‘era meglio quello che si faceva una volta’, ma la ricerca della location e di tutto quello che comporta l’artigianalità porta ad un risultato fantastico”.

DiCaprio – Pitt, una coppia sorprendente 

Magnetici, accattivanti, divertenti e irresistibili. DiCaprio e Pitt fanno scintille sul grande schermo. Il primo conferma il suo essere straordinario in tutto quello che fa. Tanti registri vocali e altrettanti personaggi da interpretare: per questo film, Leonardo ha superato una prova non facile che ha confermato il suo immenso e inesauribile talento. Il secondo, invece, regala un’interpretazione divertente e ben riuscita: forse la migliore performance dell’attore tra gli ultimi lavori in cui ha recitato.

Ho trovato la sceneggiatura del film brillante ed intelligente“, ha raccontato DiCaprio.Uno dei più grandi privilegi della nostra professione è poter vivere un tempo che non abbiamo vissuto – continua l’attore – grazie a lui sono entrato nella televisione e nei western degli Anni 50. Sono cresciuto con i film della Hollywood degli anni 50-60-70 e non avrei mai pensato che un giorno avrei fatto quello che facevano i miei eroi del cinema“.

Nel cast insieme ai due attori, anche la bellissima e bravissima Margot Robbie. L’attrice interpreta Sharon Tate. Il personaggio non è sviluppato. L’attrice infatti ha poche battute ma in sé racchiude il sogno hollywoodiano che vale più di mille parole.  Nonostante ciò, la Robbie regala al pubblico una scena emozionante e divertente che rimarrà tra i momenti più intimi e belli della pellicola. Il giorno in cui hanno girato la scena in questione – di cui non vi parleremo per non fare spoiler –  il regista ha portato sul set i suoi ricordi dando al film un sapore personale, ha raccontato l’attrice, e questo le ha fatto provare le sensazioni provate dal regista agli inizi della sua carriera. In questo film c’è un livello di specificità e di cura nel dettaglio sorprendente – ha dichiarato la Robbie – non so se mi troverò mai più in questa realtà nel corso della mia carriera“.

Il ricordo di Luke Perry

Nel cast della pellicola anche il compianto Luke Perry. L’icona degli Anni 90 è morta all’età di 52 anni il 4 marzo a seguito di un ictus. L’attore, diventato popolare per il ruolo di Dylan in Beverly Hills 90210, è nel cast di C’era una volta a…Hollywood. Perry appare in una piccola scena del film: l’ultima della sua carriera stroncata prematuramente. Una partecipazione che farà commuovere i fan dell’attore.

Tarantino e il cast a Roma per la premiere del film

Il set di C’era una volta a…Hollywood a Roma. Per una sera, la Capitale è stata trasportata nella Hollywood degli Anni 60 per un’occasione speciale: la premiere del nono film del genio del cinema Quentin Tarantino. Una folla ha invaso piazza Cavour per l’atteso arrivo al Cinema Adriano di Roma, che ha ospitato la premiere, del regista, dei protagonisti del film Leonardo DiCaprio e Margot Robbie e dei produttori Shannon McIntosh e David Heyman. Tra gli ospiti speciali, anche Alessandro Borghi, Salmo, Tedua, i Maneskin, Anastasio, GemelloFilippo Nigro, Luigi Lo Cascio, Christian De Sica e suo figlio Brando, Manuel Agnelli, Fabrizio Moro, Valeria Marini, Paolo Bonolis con la moglie Sonia Bruganelli, i genitori di DiCaprio, la sindaca di Roma Virginia Raggi e moltissimi altri.

Sul nostro profilo Instagram, i ‘best moment’ della premiere: @diregiovani.

L’hashtag ufficiale del film è

#CeraUnaVoltaAHollywood

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it