Due i vincitori per l'edizione 2019 di I love GAI

Due i vincitori per l’edizione 2019 di I love GAI

Siae premia i nuovi talenti del cinema
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

LIDO DI VENEZIA – Emozionati e senza parole. Così, Damiano Giacomelli e Arianna Lodeserto sono saliti sul palco dell’Hotel Ausonia Hungaria per ricevere il premio I Love GAI – Giovani Autori Italiani, il concorso nato nel 2015 da un’iniziativa della Società Italiana degli Autori ed Editori (SIAE) in collaborazione con Lightbox che ha come primo obiettivo quello di promuovere e dare visibilità ai giovani talenti, favorendone il contatto con i produttori e il pubblico.

Nella scorsa edizione ha trionfato ‘Parru pi tia’ di Giuseppe Carleo, quest’anno invece i corti vincitori sono stati ‘Le case che eravamo’ e ‘La strada vecchia’ rispettivamente di Lodeserto e Giacomelli.

I due lavori si sono distinti per originalità e alta qualità di contenuti tra oltre duecento film candidati, da cui il comitato di selezione composto da Marco Dalla Gassa, Andrea Purgatori e Mara Sartore ne ha selezionati sedici per la finale.

La qualità è sempre molto buona alla fine della selezione, ha dichiarato Purgatori ai nostri microfoni. “Da un corto – continua il consigliere di gestione SIAE – non ci si deve aspettare il cinema straordinario che vediamo in sala, per una questione di budget, di mezzi ecc…Ma ci si deve aspettare genialità e creatività”.


Tra brindisi, emozione e adrenalina, la giuria composta da Luca Bigazzi, Caterina Guzzanti e Irene Dionisio ha premiato il corto della Lodeserto  “per aver centrato un tema di grande attualità attraverso l’utilizzo del repertorio, per il grande sforzo di ricerca e di montaggio e la coerenza di formato e contenuto.

Giacomelli, invece, premiato dai giurati in ex equo “per l’ironia, la genuinità, l’imprevedibilità di alcune scelte di scrittura e l’utilizzo consapevole del formato cortometraggio.

Ricerca e originalità: questi sono gli ingredienti di Arianna, che ha presentato un ritratto corale archivistico delle lotte per la casa in Italia dal secondo dopoguerra ad oggi e di Damiano, che ha portato un corto che racconta un momento di cambiamento per un ragazzo che, come suo nonno e suo padre, vende patate.

Soddisfatti e increduli per il riconoscimento, i due giovani autori sono pronti per mettersi a lavoro su progetti già iniziati e per abbracciare nuove opportunità. Ecco quello che hanno raccontato ai nostri microfoni subito dopo la cerimonia di premiazione.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Giusy Mercadante
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it