Tokyo 2020, team Italia sempre più rosa: 62 donne su 125 atleti

Tokyo 2020, team Italia sempre più rosa: 62 donne su 125 atleti

Numeri da record per le azzurre qualificate
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La spedizione italiana che parteciperà il prossimo anno alle olimpiadi di Tokyo si accinge a battere un record ancora prima di gareggiare. A oggi sono 125 gli atleti qualificati e, tra questi, 62 sono donne, quasi la metà.

Nell’ultima olimpiade di Rio 2016 la squadra italiana contava la più numerosa rappresentanza femminile di sempre, sia a livello di numero assoluto, sia a livello percentuale che ha toccato un 47,81 contro il 43,78 registrato a Londra 2012. E a meno di un anno dall’evento tutto può accadere, anche uno storico sorpasso.

Le ultime, in ordine di tempo, ad ottenere la carta olimpica sono state Arianna Schivo e Vittoria Panizzon nella squadra di ‘Completo’, in occasione dei campionati europei sport equestri in corso in Germania. Un contributo fondamentale a far salire il numero di donne che andranno in Giappone è arrivato dalla ginnastica ritmica (5 carte olimpiche), dal nuoto (6 carte olimpiche) e dal canottaggio (10 carte olimpiche), oltre agli sport di squadra che contano 12 atlete con la pallavolo e 15 con il softball.

La percentuale rosa poteva poi già essere superiore a quella maschile se, la nazionale di calcio femminile non avesse chiuso ai quarti l’avventura al mondiale di Francia, e le ragazze dell’Italbasket non fossero arrivate none all’europeo di Serbia e Lettonia. Per gli sport di squadra ora le speranze sono riposte nella pallanuoto. Il Setterosa proverà a qualificarsi per Tokyo nei prossimi europei che si svolgeranno in Ungheria dal 12 gennaio 2020.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it