A Sanremo tornano le "Nuove Proposte". Mahmood rimane unico vincitore congiunto

A Sanremo tornano le “Nuove Proposte”. Mahmood rimane unico vincitore congiunto

Saranno 8 i concorrenti "giovani"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’esperimento di Claudio Baglioni non avrà futuro. Il Festival di Sanremo torna alle origini con una gara separata tra “Big” e “Giovani”.

Mahmood è, quindi, destinato a rimanere l’unico vincitore di una competizione congiunta. Un cambiamento voluto fortemente, come ha specificato la Rai, dal conduttore e direttore artistico Amadeus.

Otto i cantanti in gara nelle “Nuove Proposte”

Così, quest’anno ci saranno due semifinali e una finale. Alla fine saranno 5 gli artisti selezionati per gareggiare durante nella sezione “Nuove Proposte” del Festival, in programma dal 4 all’8 febbraio 2020. Possono iscriversi i ragazzi dai 15 ai 36 anni. Il regolamento ufficiale è stato pubblicato dalla Rai a questo LINK.

La Commissione Musicale -presieduta e formata da esperti del mondo della musica, cultura e comunicazione multimediale-  sceglierà, poi, due cantanti tra i vincitori di Area Sanremo. Infine, il vincitore di Sanremo Young 2019 parteciperà di diritto tra le “Nuove Proposte”.

Il Sanremo di Amadeus

Sanremo cambia volto ancora una volta e torna con Amadeus in una versione snellita. I cantanti in gara nella sezione “Big” saranno 20 e non più 24, troppo lunghe le serate della kermesse l’anno scorso. Si aggiunge al regolamento la gara di rivisitazione dei pezzi.

I concorrenti di Sanremo, il giovedì, dovranno scegliere uno dei brani che hanno fatto la storia della kermesse. Come ha spiegato Amadeus a Domenica In, potranno cantarla come preferiscono. La serata contribuirà alla classifica finale e in più servirà “per onorare i 70 anni del Festival”.

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it