A Pordenonelegge la carica dei 225 angeli, ragazzi che amano i libri

A Pordenonelegge la carica dei 225 angeli, ragazzi che amano i libri

Sono 158 ragazze e 67 ragazzi e hanno un'eta' media di 21 anni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – A Pordenone li chiamano ‘angeli’ perché custodiscono, sorvegliano, portano messaggi. Sono 225 in tutto – 158 ragazze e 67 ragazzi – e hanno un’età media di 21 anni. Senza di loro, la festa del libro con gli autori ‘Pordenonelegge’ – che quest’anno compie vent’anni – non sarebbe la stessa. “Sono ragazze e ragazzi che smentiscono la gran parte delle stupidaggini che si dicono sui ragazzi e sulle ragazze della loro età” ha dichiarato Gian Mario Villalta, direttore artistico del festival. Il 73 per cento degli ‘angeli’ intervistati pensa che il festival abbia modificato positivamente la propria attività di lettura, e il 45 per cento che abbia stimolato l’attività di scrittura. Inoltre il 35 per cento di questi ragazzi, che hanno tra i 16 e i 25 anni, segue di più le altre attività culturali sul territorio.

Fra le motivazioni che hanno spinto a diventare ‘angelo’, c’è la decisione di far parte del gruppo per passione, di aumentare le conoscenze e le competenze. “Dalla prima elementare, e forse anche dalla scuola materna, hanno frequentato ogni anno il festival- ha spiegato Villalta- Uno di loro ha detto che per lui Pordenonelegge è come il Natale, prima atteso e poi ricordato da tutti. Fa un po’ impressione, no?”. La provenienza maggiore degli ‘angeli’ è da Pordenone e provincia, ma sono buone le presenze dagli altri capoluoghi della regione e dal vicino Veneto.

La composizione della squadra degli angeli comincia, inoltre, a portate i segni della multiculturalità: identità italiane e culture di origine diverse si ritrovano insieme nel gestire con equilibrio ed eterogeneità una manifestazione dai contorni sempre più ampi. Da qualche anno anche gli sponsor di Pordenonelegge hanno scelto di sostenere gli ‘angeli’. Ad esempio un parrucchiere regala 20 appuntamenti prima del festival, una banca propone conti specifici per i giovani e regala accessi gratuiti al cinema, un fastfood offre pranzi gratuiti.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it