LA NIÑA. Fuori il secondo singolo dell'artista napoletana "Niente cchiù"

LA NIÑA. Fuori il secondo singolo dell’artista napoletana “Niente cchiù”

Dopo la performance alla Milano Fashion Week, è fuori il videoclip diretto da KWSK NINJA. Un unico piano sequenza ispirato al teatro-danza di Pina Bausch
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Roma – LA NIÑA è il perfetto anello di congiunzione tra la musica napoletana più classica e le produzioni urban che giocano d’azzardo con la sperimentazione e il visionario. È fuori per La Tempesta Dischi, edizioni peermusic ITALY “Niente cchiù”, il secondo singolo della cantante napoletana Carola Moccia (LA NIÑA), diretto da KWSK NINJA. Un unico piano sequenza ispirato alla lezione del teatro-danza di Pina Bausch, notoriamente affezionata all’estetica della ripetizione, talvolta ossessiva, dei movimenti corporei.
La coreografia – ideata dalla stessa artista e dal ballerino Nyko Piscopo – va, infatti, in questa direzione, accentuando la tensione del brano e la drammaticità visiva. 

LA NIÑA - NIENTE CCHIÙ

L’incontro con il fashion designer Salvatore Vignola ha definito ulteriormente l’estetica del progetto, avviando un sodalizio che dal video di Niente cchiù, l’ha portata a debuttare con una performance esclusiva alla Milano Fashion Week. 
Tra il bianco e il nero di una storia d’amore c’è una scala di grigi fatta di ritorni e non ritorni, promesse compromesse e notti insonni.
Niente cchiù, rivive in un loop morboso la deriva malsana di una relazione in cui la porta, pur chiudendosi mille volte, in realtà resta sempre aperta. Una voce scura e profonda che respira l’intensità emotiva di Napoli e la scioglie in una liturgia di sonorità passionali, tessuti elettronici e fascinazioni iconografiche.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it