Aperto bando per opere letterarie e artistiche 'Enrico De Stefani'

Aperto bando per opere letterarie e artistiche ‘Enrico De Stefani’

Promosso da associazione omonima, si rivolge a istituti superiori del X municipio di Roma
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un concorso in memoria di un giovane con l’obiettivo di dare spazio e visibilità a molti altri ragazzi. È il concorso letterario e artistico ‘Enrico De Stefani’, aperto agli alunni delle scuole superiori del X municipio di Roma e a tutte le scuole che faranno richiesta di partecipazione. L’iniziativa, ideata 15 anni fa dall’associazione che da’ il nome al premio, bandisce un premio per opere letterarie e artistiche, da presentare in qualunque forma entro il 2 marzo. Quest’anno il tema alla base dei lavori dovrà essere ‘il fuoco’.

Si riconfermano sostenitori e sponsor del progetto il municipio di Ostia e il banco di credito cooperativo, oltre che il teatro ‘Fara Nume’ di Ostia che mette a disposizione i propri spazi per l’evento di premiazione del prossimo aprile. L’associazione nasce dall’incontro di due volontà – della famiglia e degli amici – ispirate al ricordo di un ragazzo di 20 anni, Enrico De Stefani, già studente del liceo scientifico ‘Democrito’ di Roma negli anni 2000-2004 e venuto a mancare il 20 gennaio 2006.

“Enrico- hanno dichiarato gli organizzatori- era un poeta ed un artista che, con un linguaggio semplice e intenso, ha lasciato scritto il suo canto di una breve stagione. Enrico era un amico che, nella scuola e tra la gente, sembrava essere l’interprete del messaggio di Walt Whitman: i suoi erano discorsi “che vestono di amicizia”. Perciò vogliamo favorire lo sviluppo dell’espressione letteraria tra i giovani”. Tutte le informazioni sul bando sono disponibili al sito www.enricodestefani.com.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it