Innovazione per tutti, il futuro è alla Maker faire Rome

Dal 18 al 20 ottobre la manifestazione inonderà sette padiglioni della Fiera di Roma

ROMA – Il futuro è già qui. Dal 18 al 20 ottobre torna Maker faire Rome – The european edition, l’evento più importante a livello europeo dedicato all’innovazione tecnologica. Organizzato dalla Camera di commercio capitolina attraverso Innova Camera, la manifestazione inonderà sette padiglioni della Fiera di Roma con oltre 100mila metri quadrati di area espositiva, dove troveranno spazio oltre mille progetti provenienti da più di 40 Paesi.

“Tre giorni concentrati di futuro. Questo è Maker faire. Futuro per tutti, non solo per gli esperti, ma anche per le piccole e medie imprese, le famiglie, le scuole e le università”, ha detto il presidente della Camera di commercio di Roma, Lorenzo Tagliavanti, che oggi nella sala del Consiglio dell’ente camerale ha presentato la settima edizione della fiera. “Vivremo come cambierà la nostra vita, il lavoro e le relazioni. È una grande opera collettiva- ha detto ancora Tagliavanti- che si mostra attraverso mille eventi presentati dai protagonisti: dalle grandi aziende ai piccoli artigiani, che mostreranno come si rinnovano i mestieri antichi con la tecnologia, fino ai bambini di 8 anni, i più adatti a immaginare il futuro”.

E proprio alle giovani e giovanissime generazioni è dedicata la mattina del 18 ottobre con l’evento di apertura Education day, il tradizionale appuntamento di formazione gratuita con una visita in anteprima delle scolaresche da tutta Italia, che la scorsa edizione ha contato 27mila studenti e studentesse. Tra le novità di quest’anno, un focus sull’arte contemporanea. Si chiama MakerArt e presenterà una serie di installazioni interattive lungo tutto il percorso della manifestazione, pensate per coinvolgere il pubblico.

“Si tratta di un nuovo fronte aperto- ha spiegato il numero uno di via de’ Burro’- attraverso cui verranno mostrate le opportunità della tecnologia applicata all’arte. È una novità importante perché siamo a Roma”. Altro grande tema di primo piano sarà l’ambiente, cui Maker faire dedica un padiglione che racconterà tutti i modi per ridurre gli effetti negativi dello sviluppo economico. Un’attenzione che questa settima edizione vede impegnata direttamente anche Maker faire, che quest’anno sarà carbon neutral con il 100% dell’energia elettrica consumata rinnovabile. Ma non solo, perché nascerà anche un ‘bosco Maker’ fatto di alberi piantumati per risarcire l’ambiente. “È un piccolo gesto che ha significato se lo facciamo tutti- ha detto Tagliavanti- mi auguro che molti altri si uniscano”.

Economia circolare, robotica, intelligenza artificiale, mobilità smart, edilizia sostenibile e anche foodtech e agritech tra i temi principali in scena alla Maker faire. A partire dalle 30 innovazioni per il cibo e l’agricoltura di domani pensate da Agro Camera insieme ad Arsial: dalla gelateria agli integratori alimentari fino al confezionamento di aperitivi in perle gel destinato al mercato dell’happy hour innovativo.

Oltre a MakeArt, altra novità assoluta di questa settima edizione sarà Ask me anything, un servizio di consulenza strutturato in sportelli tematici a cui i visitatori potranno porre quesiti tecnici. Spazio poi allo sport con Sportech, un padiglione interamente dedicato allo sviluppo tecnologico applicato all’attività sportiva in campo agonistico e amatoriale, mentre Edtech sarà la nuova sezione riservata al monod delle tecnologie per l’educazione e la formazione.

Imperdibili anche le innovazioni sul fronte musicale presentate al FuoriMaker da Alex Braga, curatore di Evolutional, il primo festival italiano di musica e intelligenza artificiale prodotto da Maker faire che si terrà il 9 ottobre in via Guido Reni, casa di Videocittà. Sul palco si esibiranno Boosta e Niklas Paschburg che duetteranno con Braga in una performance multimediale.

E ancora, grande risalto alla robotica e all’intelligenza artificiale con un’area espositiva di 400 metri quadrati che accoglierà oltre 70 progetti sul tema, con 20 iniziative dedicate unicamente alle applicazioni e alle potenzialità dei sistemi di intelligenza artificiale. Ma alla Maker faire anche la moda troverà spazio, con Altaroma protagonista di uno spazio dedicato alle collezioni di sei designer contraddistinti da creatività, qualità di prodotto, ricerca e sperimentazione. Non poteva mancare Makers for Space, una sezione tutta orientata al settore aerospaziale con la collaborazione di Asi, Aeronautica militare, Inaf e La Sapienza.

2019-10-01T17:02:53+02:00