Blue Economy Hack, da domani al via a Ventotene

Blue Economy Hack, da domani al via a Ventotene

Aspettative degli studenti prima della partenza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FORMIA (LT) – Dalla Sardegna a Ventotene per partecipare al ‘Hacking for Blue Economy’ e sfidare gli altri studenti provenienti da tutta Italia. Aspettando il traghetto sul molo del porto di Formia, un gruppo di studenti e studentesse dell’IIS ‘Pischedda’ di Bosa (OR) risponde ai microfoni di diregiovani.it, condividendo attese e aspettative per il concorso che sta per cominciare.

Fra poche ore infatti sbarcheranno a Ventotene insieme ad un’altra cinquantina di ragazzi e ragazze provenienti da dieci scuole secondarie di secondo grado di tutto il territorio nazionale, per elaborare idee innovative su una delle risorse fondamentali del nostro Paese: il mare.

L’hackathon sarà tutto in lingua inglese e nasce con l’obiettivo di valorizzare le potenzialità nascoste del mar Mediterraneo e delle coste europee. Sul molo si respira un’aria di attesa e una grande voglia di partire: chi per imparare di più sul tema dell’ecosostenibilità, chi per migliorare il proprio inglese, chi per fare nuove amicizie ma sicuramente tutti gli studenti non aspettano altro che l’aliscafo molli gli ormeggi per cominciare questa nuova sfida.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it