In questo mese ho dovuto effettuare due cure antibiotiche...

In questo mese ho dovuto effettuare due cure antibiotiche…

Buonasera, avrei bisogno di un consiglio. Ho riscontrato un ritardo nel ciclo di due giorni. Premetto che in questo mese ho dovuto effettuare due cure antibiotiche e una delle due mi ha provocato una forte colite. È possibile che il ritardo sia causato a uno scombussolamento di intestino e organismo in generale? O magari ad ansia/stress?
Non ho avuto rapporti, l’ultimo ad agosto (senza eiaculazione, penetrazione non completa) ma ho avuto regolarmente mestruazioni ad agosto e settembre. Di solito il mio ciclo anticipa sempre qualche giorno, stavolta no.
Vi ringrazio in anticipo,
cordiali saluti


Anonima


Cara Anonima,
il ciclo di ogni donna subisce diverse variazioni nella durata, quantità e ritmo nell’arco della vita poiché è condizionato da diversi fattori. Vi sono fattori  organici (es: patologie dell’ipotalamo, dell’ipofisi, le infezioni dell’utero, delle ovaie, lo squilibrio dell’attività tiroidea o delle ghiandole surrenali, etc…), fisiologiche oscillazioni ormonali e situazione di forte stress fisico o emotivo. Quando ci sono ansia, paure, quando il corpo è in un perenne stato di allerta, l’asse ormonale che regola il ciclo mestruale può risentirne molto creando risponde irregolari come l’assenza delle mestruazioni.
Anche se ci sono cambiamenti repentini nelle abitudini alimentari con forti restrizioni, il ciclo potrebbe bloccarsi. Inoltre può risentire anche di cambi stagionali e sonno irregolare. Anche alcuni farmaci, come quelli a base di ormoni, possono influenzare il ciclo. Nel tuo caso lo scombussolamento del tuo corpo a causa degli antibiotici può influire sul ritardo allo stesso modo se stai vivendo una situazione di ansia e stress. Quindi non c’è da preoccuparsi, può succedere!
Se il ritardo dovesse proseguire per i mesi successivi il consiglio è sempre quello di rivolgersi al proprio ginecologo per approfondirne le cause.
Un caro saluto!

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it