Moonwatch Party, il 5 ottobre è la Notte della Luna

Moonwatch Party, il 5 ottobre è la Notte della Luna

L'occasione sarà quella di osservare, fotografare o studiare le caratteristiche dell’unico satellite naturale della Terra
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Torna l’appuntamento con l’International Observe the Moon Night (InOMN), la Notte della Luna, evento annuale promosso dalla NASA dedicato all’osservazione del nostro satellite che coinvolge a livello mondiale istituzioni, ricercatori e appassionati.

Il 5 ottobre tutto il mondo se ne starà con il naso all’insù ad ammirare il nostro vicino cosmico, occasione per osservare, fotografare o studiare le caratteristiche dell’unico satellite naturale della Terra.

Come osservare la Luna

La Luna è così grande e luminosa che puoi guardarla anche a occhio nudo.
La sera del 5 ottobre avrà raggiunto il suo primo quarto ed apparirà “a metà”.
Già dopo il tramonto sarà bella e luminosa nel cielo.

Con un buon binocolo o un modesto telescopio sarete in grado di vedere i crateri e le altre caratteristiche del suo lato luminoso (che può apparire capovolto in alcuni telescopi), come i mari (pianure scure), crateri profondi e materiale espulso dalle antiche collisioni di meteoriti.

È inoltre possibile scaricare una mappa gratuita della Luna realizzata dalla NASA a QUESTO LINK, che evidenzia i crateri e altre caratteristiche che saranno visibili sulla superficie lunare nella Notte della Luna.

E’ consigliabile osservare il cosiddetto “terminatore”, la linea fittizia che separa la parte illuminata dalla parte in ombra.
In questa zona crepuscolare è più facile osservare crateri e catene montuose.

In alternativa, è possibile seguire l’appuntamento comodamente da casa dal sito del Virtual Telescope.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it