Mi chiedo quando ti mancherò, una storia su adolescenza e coraggio

Mi chiedo quando ti mancherò, una storia su adolescenza e coraggio

Il film è stato presentato in anteprima ad Alice nella Città
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – È stato presentato ad Alice nella Città (sezione autonoma e parallela alla Festa del Cinema), Mi chiedo quando ti mancherò, film diretto da Francesco Fei e tratto dal libro di Amanda Davis I wonder when you’ll miss me. La pellicola segue la storia di Amanda (Beatrice Granno’), una diciassettenne ‘consumata’ delle prese in giro dei suoi compagni di scuola: l’unica persona vicino a lei è la sua esuberante e politicamente scorretta amica immaginaria (Claudia Marsicano) che la guida nella più difficile delle sfide, crescere e impadronirsi della propria vita.

È la prima volta che ho una responsabilità così grande per il personaggio che ho interpretato, ha raccontato la Grannò. “L’aspetto più interessante di Amanda è il suo riscatto che ha ottenuto con la sua forza che non viene fuori subito ma a piccoli passi“.

Mi chiedo quando ti mancherò non è solo un film sui problemi all’interno delle mura scolastiche, ma è anche una storia di coraggio e determinazione, avventurosa e romantica, feroce e spesso buffa. Un road movie che, attraverso il superamento di confini fisici e mentali, porta la protagonista alla ricerca di un posto nel mondo per riconciliarsi con il suo ‘io’ più intimo. 

Il film (ad #Alice2019 nella sezione Panorama Italia) è tratto dal romanzo della Davis che abbiamo ridotto per la trasposizione cinematografica per questioni di tempo“, ha dichiarato Francesco Fei. “Tra il libro e il film– ha spiegato il regista- ci sono delle differenze: il circo in cui lavora Amanda non è con gli animali come nel romanzo ma animato da artisti di strada. Inoltre, nella pellicola, per il poco tempo a disposizione non abbiamo fatto vedere Amanda che impara a camminare sul trapezio“. “Infine– ha concluso- io ho scelto di mettere nel film un’alternanza narrativa tra passato e presente. Nel romanzo, invece, i flashback sono accennati“.

Mi chiedo quando ti mancherò arriverà nelle sale con l’Istituto Luce nella primavera 2020.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it