Atletica leggera, momento d'oro con i giovani atleti

Atletica leggera, momento d’oro con i giovani atleti

Intervista a Alfio Giomi, presidente della Fidal
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Tantissimi giovani, ragazze e ragazzi, stanno arrivando a maturazione e per l’atletica leggera italiana è uno dei migliori anni- ha dichiarato il presidente della Fidal, Alfio Giomi- grazie ai loro successi a livello europeo e mondiale. Abbiamo una squadra giovane che sta crescendo e che sarà in grado di fare bene alle olimpiadi di Tokyo 2020 e anche in futuro”.

Sono molte le iniziative rivolte alle scuole che la federazione sta portando avanti per promuovere le discipline sportive e non solo. Dal 2016 esiste ‘Lotta al doping’, un progetto che ha coinvolto 20mila studenti, finalizzato a informare e formare gli allievi degli istituti scolastici di secondo grado e i licei sportivi in particolare sulla problematica dell’uso di sostanze dopanti nello sport. Un altro progetto si chiama ‘AllenaMente’ e ha come obiettivo quello di sostenere le giovani promesse dell’atletica impegnate negli studi universitari.

“Noi siamo fautori del principio che si possa fare atletica ad alto livello e nello stesso tempo studiare- ha proseguito Alfio Giomi- e cerchiamo di aiutare tutti i ragazzi e le ragazze che vogliono costruirsi un futuro sportivo. È ovvio che in certi momenti bisogna dover scegliere a cosa dare più importanza. Per esempio: se si devono sostenere degli esami universitari, l’atleta-studente può tralasciare lo sport; e se deve affrontare le olimpiadi, può tralasciare lo studio. Le due cose si possono fare e abbiamo un numero altissimo di giovani che sono bravi sia in campo che sui libri”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Redazione Diregiovani
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it