Liliana Segre, su RaiPlay il docu-film sulla vita della senatrice

Liliana Segre, su RaiPlay il docu-film sulla vita della senatrice

Nel cast di 'Figli del destino' Massimo Poggio, Massimiliano Gallo e Valentina Lodovini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – A seguito degli atti di odio contro Liliana Segre, RaiPlay propone in esclusiva sulla homepage della piattaforma il docufilm Figli del destino sulla vita della senatrice. I registi Francesco Miccichè e Marco Spagnoli in 132 minuti vi faranno ripercorrere le vite della Segre, Lia Levi, Tullio Foà e Guido Cava stravolte quando Vittorio Emanuele III ha firmato le leggi razziali il 5 settembre 1938. Quella data segna per i quattro ragazzi l’inizio di un percorso fatto di discriminazione, umiliazione, paura e sofferenze che culmina con la deportazione. Nel cast della pellicola, una produzione Red Film e Rai Fiction, sono Massimo Poggio, Massimiliano Gallo e Valentina Lodovini.

Liliana Segre sotto scorta

La senatrice a vita Liliana Segre è sotto scorta dopo le minacce e gli insulti ricevuti nelle ultime settimane sul web. Le dimensioni del fenomeno (riceve quasi 200 messaggi al giorno) e anche lo striscione esposto pubblicamente da Forza nuova contro di lei durante un evento a cui partecipava a Milano nei giorni scorsi, hanno portato i vertici della sicurezza prendere questa decisione, emersa durante il Comitato per l’ordine pubblico e la sicurezza che si è tenuto ieri su proposta del prefetto di Milano Renato Saccone. Sopravvissuta al campo di concentramento di Auschwitz, dove fu deportata quando aveva 14 anni, Liliana Segre è seguita da due carabinieri nei suoi spostamenti quotidiani e nelle occasioni pubbliche. La decisione, rilanciata dal Corriere della Sera, pare fosse comunque al vaglio da tempo. Intanto, la Procura di Milano ha aperto un’indagine per fare luce sugli insulti: se ne occupa il pool antiterrorismo. Sono oltre 200 i messaggio di odio online che la senatrice riceve quotidianamente.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it