Miur e FEduF premiano le eccellenze 'Fuoriclasse'

Miur e FEduF premiano le eccellenze ‘Fuoriclasse’

Riconoscimenti in denaro e borse di studio per gli studenti più meritevoli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Record di riconoscimenti con borsa di studio, alla quarta edizione de ‘I Fuoriclasse della scuola’, progetto di Miur e FEduF, la Fondazione per l’Educazione Finanziaria al Risparmio, promosso dall’ABI, da Confindustria e Museo del Risparmio. La cerimonia d’onore si è tenuta presso la sede di Castellanza della LIUC – Università Cattaneo, con la concessione del Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Un’iniziativa nata per valorizzare l’eccellenza degli studenti, che ha visto il crescente interesse delle aziende, per quanto riguarda i premi attribuiti dal 2016 ad oggi, devolvendo ai giovani di talento 464mila euro e 233 Borse di Studio. Oltre ai premi in denaro, gli studenti più meritevoli hanno potuto partecipare ad un esclusivo campus di educazione finanziaria organizzato dal Museo del Risparmio e da LIUC Università Cattaneo dal 12 al 14 novembre 2019.

Questa esperienza ha l’obiettivo di avvicinare i giovani talenti alle competenze economiche di base, attraverso l’interazione con accademici del mondo dell’economia, imprenditori e gli strumenti multimediali del Museo, per un approccio alla gestione sostenibile delle risorse per lo sviluppo individuale e sociale.

Il progetto prevede non solo di coinvolgere un numero sempre maggiore di sostenitori per premiare quanti più giovani talenti possibile, ma anche quello di mettere in comunicazione gli alti potenziali della scuola con il mondo delle imprese, per favorire la crescita del made in Italy anche in termini di capitale umano e con un’attenzione particolare alla parità di genere.

Tra i vincitori di questa edizione Vittoria Altomonte, studentessa al secondo anno del liceo scientifico ‘Euclide’ di Bova Marina (RC) e finalista del progetto ‘Fuoriclasse della Scuola’, ha partecipato alle olimpiadi internazionali di astronomia tenutesi in Sri Lanka, dopo aver vinto le fasi di qualificazione alle olimpiadi nazionali di astronomia a Bari dal 18 al 20 aprile 2018. Anche Mattia Arundine, studente del liceo classico ‘Alfonso Gatto’ di Agropoli (SA) e finalista del progetto ha conquistato la medaglia di bronzo alle olimpiadi della fisica svoltesi a Tel Aviv, in Israele.

L’Italia è uno dei pochissimi paesi al mondo a disporre di una filiera di prodotto completa nel settore aerospaziale in qualità di terzo finanziatore dell’Agenzia Spaziale Europea e prima per numero di astronauti (quattro) dell’attuale European Astronaut Corps. A livello economico, in Italia le attività coinvolte nei vari progetti, sono circa 250 e danno lavoro a 6300 persone; nel 2017 hanno prodotto un fatturato di 1,9 miliardi di euro.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it