Napoli, all'ic Matteotti studenti protagonisti con 'Peers Say NO'

Napoli, all’ic Matteotti studenti protagonisti con ‘Peers Say NO’

Prima tappa del progetto Adiconsum e Agenzia Dire a Grumo Nevano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Entra nel vivo il progetto ‘Peers say no’, promosso da Adiconsum e Agenzia Dire per sensibilizzare i giovani sul delicato e complesso tema della proprietà intellettuale. La prima tappa dell’iniziativa ha visto protagonisti gli studenti dell’IC ‘Matteotti’ di Grumo Nevano (Napoli) che hanno accolto con grande interesse e partecipazione la visita del team di ‘Peers Say NO’.

In un territorio difficile come quello dell’interland napoletano, patria del cosiddetto ‘pezzotto’, in cui si registrano numeri preoccupanti di fatturato delle attività in violazione della proprietà intellettuale e di sequestri da parte delle forze dell’ordine, la risposta dei cittadini onesti è ferma e convinta.  I ragazzi delle sei classi che hanno partecipato all’incontro avevano già preparato cartelloni e lavori grafici dedicati al tema della contraffazione e della pirateria ed hanno presentato sul palco dell’auditorium della scuola due brevi performance dedicate alla legalità in generale.

Hanno poi fatto moltissime domande, riferito esperienze personali e testimoniato la loro voglia di ‘dire no’. L’incontro ha visto la partecipazione del sindaco di Grumo Nevano, Gaetano Di Bernardo, che si è complimentato con la scuola per l’impegno e con il progetto per la sua rilevanza ed efficacia. Le classi partecipanti hanno ricevuto in dono un tablet ciascuna, che sarà strumento per le attività di laboratorio di peer education previste dal progetto.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it