Giornata sicurezza nelle scuole, mamma Scafidi: “Presenza Fioramonti segnale importante”

Cinzia Caggiano annuncia che il 22 novembre il ministro dell'istruzione sarà a Rivoli
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

RIVOLI (TORINO) – Per la prima volta a Rivoli alla marcia in memoria di Vito Scafidi e di tutte le vittime dell’edilizia scolastica il 22 novembre saranno presenti il ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti e la vice ministra Anna Ascani. Ad annunciare questa notizia è la mamma di Vito, il giovane morto a causa del crollo del soffitto al liceo ‘Darwin’.

“Quest’anno in occasione della giornata nazionale per la sicurezza nelle scuole- spiega Cinzia Caggiano– è stato convocato a Rivoli, l’osservatorio nazionale per l’edilizia scolastica. Negli scorsi anni le istituzioni hanno sempre segnato la loro assenza in questa occasione. Magari qualcuno mi prometteva di esserci ma pochi giorni prima della marcia avevano sempre qualche impegno che non permetteva loro di venire a Rivoli. Avere il ministro dell’Istruzione significa dare un segnale chiaro ed inequivocabile che, come son solita dire io, questi ragazzi e bambini morti a scuola sono vittime di Stato alla pari di chi è stato ucciso dalle organizzazioni criminali”.

Cinzia Caggiano sa che dal 2008 ad oggi qualcosa è cambiato:

“Per anni si è cercata la colpa dei crolli nei terremoti, negli eventi climatici ma era chiaro che il problema era relativo ai tagli fatti. Con la Legge sulla Buona Scuola si è tornati ad investire nell’edilizia scolastica. In Piemonte sono arrivati 500 milioni di euro. Posso chiamarlo ‘il miracolo Vito’. In questi anni è cambiata la cultura sulla sicurezza da parte dei ragazzi, degli insegnanti e anche dei dirigenti scolastici che vivono la difficoltà di essere responsabili della sicurezza senza avere poteri”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Redazione Diregiovani
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it