Wrongonyou, Birthh e Lisbona aprono i concerti di Mika in Italia

Wrongonyou, Birthh e Lisbona aprono i concerti di Mika in Italia

La popstar ai nostri microfoni ha assicurato: “È uno show molto forte, è una festa, la fine del mondo”.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – I concerti di Mika in Italia si avvicinano. Prodotta nel nostro Paese da Barley Arts, il Revelation Tour partirà domenica 24 novembre da Torino (Pala Alpitour) e proseguirà nelle grandi arene di altrettante città. Ad aprire i concerti saranno Wrongonyou, Birthh e Lisbona. Nello specifico, ecco il calendario dei tre artisti:

LISBONA a Torino, il 24/11

WRONGONYOU ad Ancona (il 26/11); Roma (il 27); Bologna (il 29); Livorno (il 2/12); Milano (il 3/12)

BIRTHH a Montichiari il 30.11

Qualche settimana fa, abbiamo incontrato Wrongonyou e ci ha raccontato il suo secondo disco, “Milano Parla Piano”.

Il Revelation Tour, come ha raccontato Mika ai microfoni di Diregiovani,  “è uno show molto forte, è una festa, la fine del mondo”. Sul palco, la popstar porterà i pezzi che lo hanno reso famoso e gli inediti tratti dal suo ultimo disco di inediti, “My name is Michael Holbrook”.

Il calendario completo del tour

Dom 24 novembre – TORINO – Pala Alpitour
Mar 26 novembre – ANCONA – PalaPrometeo
Mer 27 novembre – ROMA – Palazzo dello Sport
Ven 29 novembre – CASALECCHIO DI RENO (BOLOGNA) – Unipol Arena
Sab 30 novembre – MONTICHIARI (BRESCIA) – PalaGeorge
Lun 2 dicembre – LIVORNO – Modigliani Forum
Mar 3 dicembre – ASSAGO (MILANO) – Mediolanum Forum
Sab 1° febbraio 2020 – PADOVA – Kioene Arena
Dom 2 febbraio 2020 – BOLZANO – PalaOnda
Mer 5 febbraio 2020 – NAPOLI – Teatro PalaPartenope
Ven 7 febbraio 2020 – BARI – Palaflorio
Sab 8 febbraio 2020 – REGGIO CALABRIA – Palacalafiore

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it