Strasburgo, secondo giorno dell'Hack for Global Rights

Strasburgo, secondo giorno dell’Hack for Global Rights

Il commento degli studenti italiani
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

STRASBURGO – “Questo è il giorno più difficile perché dobbiamo sviluppare tutto il progetto e dobbiamo essere sicuri di ciò che vogliamo presentare, quindi siamo un po’ nervosetti”. “Nel mio gruppo mi trovo benissimo, collaboriamo bene e sappiamo conciliare i momenti di lavoro e di svago”. “Siamo a buon punto, stiamo scrivendo la trama, fra poco iniziamo con i video, e niente, speriamo di vincere!”.

Questi alcuni dei commenti delle studentesse e degli studenti italiani che stanno partecipando all”Hack for Global Rights’, il primo hackathon internazionale sui diritti umani a Strasburgo. Oggi è il secondo giorno della sfida progettuale che si concluderà domani, quando i vari team dovranno presentare i loro lavori davanti a una giuria di docenti, esperti e membri delle istituzioni, nella sede del Consiglio d’Europa.

Fra ansia, soddisfazione e voglia di mettersi in gioco, i 32 giovani italiani che sono atterrati a Strasburgo per partecipare all’evento promosso dall’IIS ‘Luigi Einaudi’ di Roma in collaborazione col liceo ‘Des Pontonniers’ di Strasburgo, continuano a impegnarsi, insieme ai loro 32 colleghi francesi, per elaborare la soluzione più innovativa ai tre challenge proposti:

  • Diritti dei migranti, rifugiati e richiedenti asilo: immaginate di essere nel 2050, in un futuro distopico in cui i diritti dei migranti sono del tutto scomparsi e chi li maltratta non viene punito. Guardando indietro ad oggi, il 2020, cosa avremmo potuto cambiare per evitarlo?;
  • Sicurezza e anti-terrorismo: proponete un approccio innovativo, concreto e realizzabile per combattere il terrorismo, con un’attenzione particolare alla nuove tecnologie e il cyberterrorismo;
  • Parità di genere e diritti delle donne: partendo dalla constatazione che, nonostante i progressi degli ultimi anni, la parità di genere è ancora una meta lontana da raggiungere, elaborate delle strategie efficaci ed innovative per accelerare questo processo e combattere il sessismo.

Gli studenti, intervistati da diregiovani.it, provengono dall’istituto ‘Luigi Einaudi’ di Roma; dal liceo ‘Tacito’ di Terni; dal liceo ‘Ettore Palumbo’ di Brindisi; dal liceo D’Arconate e d’Europa; dal liceo ‘Peano-Pellico’ di Cuneo e dal liceo ‘Bernardino Telesio’ di Cosenza.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it