Caltagirone, studenti in versione 'apprendisti ciceroni'

Caltagirone, studenti in versione ‘apprendisti ciceroni’

Appuntamento al Museo d’arte contemporanea
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CALTAGIRONE (CATANIA) – Per un giorno gli studenti dell’istituto superiore ‘Majorana-Arcoleo’ di Caltagirone hanno recitato il ruolo di ‘Apprendisti Ciceroni’ di loro coetanei alla scoperta delle bellezze artistiche ospitate nel territorio del comune, un importante centro della provincia di Catania. EL’attività si è svolta nell’ambito delle ‘Mattinate Fai d’Inverso’, il grande evento nazionale del Fai – Fondo ambiente italiano.

Tra i beni aperti in Sicilia grazie al Fai calatino, la cui responsabile è Aline Lo Giudice e al comune, c’è il Museo d’arte contemporanea di Caltagirone (Macc), nell’ex Ospedale delle donne: qui gli ‘Apprendisti Ciceroni’ dell’istituto superiore ‘Majorana-Arcoleo’ hanno guidato in visita altri studenti, di diverse scuole della città, alla scoperta della collezione donata da Sylvia Franchi, direttrice della Galleria Artivisive dell’associazione culturale internazionale di Roma e della raccolta di Art brut/Outsider art: la prima con grandi artisti internazionali e la rara sezione di poesia visiva; la seconda con opere di enorme suggestione, unica istituzione pubblica in Italia a rappresentare quest’arte.

L’iniziativa rientra nell’ambito delle classi ‘Amiche Fai’, per le quali fino sabato 30 novembre, gli studenti sono invitati a conoscere il patrimonio storico e artistico del loro territorio, accompagnati dagli ‘Apprendisti Ciceroni’, appositamente formati dai volontari Fai che operano in un dialogo continuo con i loro docenti.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it