Il video del baby panda col singhiozzo è la cosa più dolce che vedrai oggi

Il video dell’adorabile baby panda col singhiozzo è la cosa più dolce che vedrai oggi

Attenzione! Questo articolo contiene immagini carine e coccolose!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Che fastidio non riuscire a dormire per colpa del singhiozzo!
Lo sa bene anche questo baby panda dello Zoo di Berlino, protagonista di un dolcissimo video.

Il piccolo, il più giovane dei due gemelli nati il 31 agosto di quest’anno nella struttura, è sopraffatto dal sonno, ma non riesce a dormire per colpa del singhiozzo.
Alla fine la stanchezza ha la meglio, e il baby panda può fare dei sonni tranquilli.

I gemelli sono nati dalla madre Meng Meng, in “prestito” allo zzo di Berlino dalla Cina.
Sebbene siano i primi panda giganti nati in Germania, restano “cinesi” e dovranno tornare in patria dopo essere stati svezzati, entro 4 anni.

La nascita di un panda è un evento importante.

I panda lottano per procreare, sia per il numero ridotto della specie, sia per problemi di infertilità e accoppiamento.

Le femmine sono pronte per la riproduzione solo una volta l’anno, per un periodo di fertilità che va dalle 48 alle 72 ore circa.
Inoltre, è estremamente raro trovare maschi panda capaci di accoppiamento naturale.

Sono stati usati diversi metodi insoliti per cercare di favorire la copulazione in cattività.
In passato sono stati mostrati ai panda video “pornografici” di accoppiamento di altri panda e ad alcuni è stato persino dato il Viagra.

Negli ultimi anni gli scienziati hanno scoperto che i maschi dimostrano una libido forte solo quando le femmine sono in calore.
Armati di questa conoscenza, i loro ormoni sono strettamente monitorati in modo che possano essere messi insieme proprio al momento giusto.

Per le femmine che ancora hanno difficoltà a concepire, è stata utilizzata la fecondazione in vitro e nel 2009 è nato al Wolong, in Cina, il primo panda in provetta.

Si stima esitano solo 1864 panda in natura, a cui si aggiungono i circa 300 esemplari distribuiti nelle strutture e nei centri di ricerca mondiali.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it